Riflessioni sul bio

Riflessioni sul BIO
bovini paganico (10)

La presenza veterinaria nell’ allevamento ha tra le sue principali finalità la salvaguardia della salute animale ed umana e la tutela del benessere animale, tenendo presenti le esigenze economiche dell’ imprenditore agricolo.
Nell’ allevamento biologico, e più in generale nella zootecnia che voglia perseguire modelli di sostenibilità ambientale e di etica del rapporto uomo-animale, il contributo veterinario dovrà essere di ancor più ampio raggio e interfacciarsi con altre competenze quali quelle agronomiche, zootecniche, ecologiche.
L’ obiettivo primario della produzione biologica non è di tipo quantitativo, ma interessa la qualità delle produzioni stesse e in modo particolare le modalità produttive con le loro conseguenze sull’agroecosistema.
L’ azienda infatti si deve inserire in maniera equilibrata nell’ ambiente, nell’ ottica del mantenimento della naturale fertilità del suolo, la superficie agricola deve essere in relazione al numero di capi allevati e le componenti animale e vegetale si devono integrare, badando al rispetto delle esigenze fisiologiche ed etologiche degli animali.
La gestione sanitaria di tale tipo di allevamento quindi non è soltanto la applicazione dei regolamenti e delle leggi in vigore, ma un modo diverso di salvaguardare la salute animale, tramite un approccio più complesso e articolato.

La comune concezione dell’ azione medica “diagnosi-prognosi-terapia” va ampliata, in quanto in tale tipo di allevamento il ricorso ai mezzi chimici deve essere minimo, e quindi massimo l’ utilizzo di strategie preventive e sistemiche.

I concetti base dell’omeopatia sono perfettamente in armonia con i principi della agricoltura biologica, che sottolineano come la salute degli animali vada tutelata soprattutto in forma preventiva, cercando la miglior interazione possibile tra animali e ambiente.
Il rimedio omeopatico stimola l’organismo a reagire alla malattia sfruttandone le naturali potenzialità di guarigione.
L’applicazione del metodo consiste nel rilevare i sintomi del malato e individuare quella sostanza capace di provocare gli stessi sintomi nell’individuo sano; maggiori sono le similitudini e migliori sono i risultati che si possono ottenere dalla terapia.
L’approccio omeopatico è individuale ma la sua applicazione in campo zootecnico su gruppi dianimali, anche se apparentemente difficoltosa, è in realtà possibile poiché gli animali allevati in gruppo possono essere considerati come un unico individuo e i disturbi manifestati come espressione di una tendenza patologica comune.

Nell’ allevamento biologico il contributo veterinario deve essere di ampio raggio e interfacciarsi con altre competenze quali quelle agronomiche, zootecniche, ecologiche, il ricorso ai mezzi chimici deve essere minimo, e quindi massimo l’ utilizzo di strategie preventive e sistemiche.
I principali approcci medici utilizzabili in tale tipo di allevamento sono omeopatia e fitoterapia.
La medicina omeopatica stimola l’organismo a reagire alla malattia sfruttandone le naturali potenzialità di guarigione, il rimedio omeopatico è altamente specifico del sistema.

Il medico veterinario omeopata dovrà condurre un’anamnesi approfondita del gruppo, indagando anche sull’alimentazione, sulle caratteristiche dell’ambiente fisico e sociale e raccogliendo tutte le informazioni utili per una più precisa identificazione delle peculiarità del gruppo.

L’intensivazione della zootecnia ha permesso la nascita di allevamenti senza terra, con tutto il suo strascico di effetti negativi sull’ambiente e sulla qualità delle produzioni, allo stesso modo l’industrializzazione del mondo agricolo ha generato un tipo di azienda che non solo non prevede la presenza di nessun insediamento zootecnico al suo interno, ma lo considera un peso nell’organizzazione aziendale e nell’ottimizzazione del lavoro, relegando l’eventuale presenza animale al semplice desiderio dell’imprenditore e non ad un preciso piano di sviluppo.

La presenza di un insediamento zootecnico all’interno delle aziende agricole che perseguono il sistema di produzione biologico deve essere considerata una necessità.

da tenere inoltre presente la particolare vocazione all’ allevamento biologico delle zone collinari e montane (razze rustiche, pascoli, produzioni di qualità, attività agrituristiche) nelle quali tale attività può costituire un sostegno allo sviluppo.
In questo momento vi è una forte domanda da parte del mercato di prodotti animali di qualità, che scaturiscano da sistemi produttivi rispettosi dell’ ambiente e del benessere animale.
Gli insediamenti zootecnici italiani, estremamente eterogenei per specie allevate, dimensione, tipo di produzione ha come prima finalità l’erogazione di un servizio alla comunità intera, inteso in termini di qualità ambientale, salute pubblica, benessere animale, cultura, oltre alla produzione di materie organiche ed elementi nutritivi per i terreni destinati alle coltivazioni.