Esperienza con le api di Carla De Benedictis

Esperienza con le api di Carla De Benedictis

Esperienza con le api

Carla De Benedictis

Durante gli anni della mia vita in campagna, ho aderito al progetto di un mio cliente che, appassionato del mondo delle api e convinto salutista ecologista, iniziava a maturare un’idea che voleva condividere con le persone che riteneva sensibili ai temi dell’ambientalismo e della salute. Così diversi anni fa iniziammo a sistemare una sola arnia nel mio terreno in campagna. (Continua a leggere).

…continua a leggere

OBSTACULOS A LA CURACIÓN

OBSTACULOS A LA CURACIÓN

corsa_ad_ostacoli++++++ 

OBSTACULOS A LA CURACIÓN
Autor: Dr. Horacio De Medio
Médico veterinario.
Profesor titular de Veterinaria Homeopática de la AMHA.
Trabajo presentado en las 3eras. Jornadas de Veterinaria Homeopática AMHA. -Junio1999-.

Resumen
Se presenta un caso típico, en el cual una práctica higiénica excesiva, coadyuva al desarrollo de una patología dérmica y se
” instala” como un verdadero obstáculo a la curación.
Este concepto fue descripto originalmente por Hahnemann en su Organón, en los párrafos 94, 252 y 260 entre otros.
Se presentan variantes actuales de posibles obstáculos a la curación de aparición frecuente en la clínica de pequeños animales domésticos.

Introducción
Noel es un canino, macho raza maltés blanco, de 5 años de edad que el 16 de mayo de 1997 fue presentado a consulta por presentar una dermatitis eritematosa inespecífica, marcadamente pruriginosa, afectando sobremanera las zonas del abdomen ventral, ingles, axilas, cuello y escroto. (FOTO 1).
Sufría de este trastorno en forma intermitente, desde dos años atrás. Había sido tratado con pomadas con corticoides y antibióticos sin resultado apreciable. Últimamente- por indicación de un colega- lo bañaban día por medio con un champú con base de aceite de jojoba.
Cuatro meses antes de la consulta, un colega homeópata lo había medicado con Sulphur 30 obteniendo una cierta mejoría, de carácter transitorio.
Para su abordaje homeopático, luego de una extensa anamnesis, se seleccionaron los siguientes síntomas individuales de Noel: Cobardía.
Erupciones suprimidas.
Terror al baño.
Baño-Lavarse, agrava.
Baño caliente, agrava.
Verano agrava.
Deseos de dulces.
Erupciones en region inguinal.
Erupciones en pecho.
Erupción en cuello.
Prurito en cuello.
Sarro dental.
Deseo sexual aumentado.
Prurito en escroto.

Esta selección de síntomas, llevados a la repertorización computada, arrojaron el siguiente cuadro:

 

Analizados exhaustivamente los primeros 10 medicamentos ranqueados, se optó por sulphur, elección reforzada, como se verá, por la repertorización selectiva de los síntomas con marcación miasmática, con claro predominio de la psora y mayoritariamente cubiertos ,también por sulphur.

Sintomas con marcación Miasmatica
Piel, erupciones suprimidas
Generalidades, baño, aversion a, terror al
Generalidades, baño, lavarse, AGR
Genitales masculinos, deseo sexual aumentado
Genitales masculinos, prurito, escroto

Repertorización selectiva

 

La elección de este medicamento estaba respaldada -además- por el antecedente positivo de su buena reacción a Sulphur 30. En concecuencia el día 16/05/98 se prescribió Sulphur 200, tres microdosis en glóbulos, de un gramo cada una, espaciadas 12 horas entre sí.

Además- y fundamentalmente- SE LE PROHIBIÓ TODO TIPO DE BAÑO POR TRES SEMANAS.

Evolución
02/06/97: Muy mejorado: (FOTO 2). Solo se percibe una aureola de un eczema seco en región de abdomen ventral. Se indica Psorinum 200, ½ gotero diario por una semana y luego una dosis de ½ gotero semanal por mes.

05/11/97: Muy mejorado, prácticamente no hay lesiones en piel. (FOTO 3).
Sólo ocasionalmente hubo accesos de prurito en cuello y algo menos en ingle.
Han discontinuado los baños y ahora lo hacen cada 4 meses. El aspecto de su manto piloso es absolutamente normal, lo mismo su olor. Había presentado trastornos de encías y odontolitiasis por la que había sido intervenido cuatro meses atrás.
Teniendo en cuenta estos antecedentes dentarios y su aparente tendencia a una recidiva cercana, se le prescribió Psorinum 200, tres microdosis en glóbulos, de un gramo cada una, espaciadas 12 horas entre sí. A la semana de ésta prescripción, se indicó Carbo Vegetabilis 30, 10 glóbulos, diariamente, durante 1 mes.

09/03/98: (FOTO 4): Muy buen estado general y en particular su piel y manto con el aspecto de total normalidad. Hace dos meses que no lo bañan y sólo recibe un cepillado suave como único acicalamiento. Se indica Psorinum 200, tres microdosis en glóbulos de 1 gramo cada una, espaciadas cada 12 horas entre sí.

04/06/98: Muy buen estado general. Sin medicación.

06/01/99: idéntico estado anterior. Sin medicación.

15/03/99: Idéntico estado que en enero 99. A pesar del calor reinante (temperaturas diarias medias de 33 grados C aprox.) lo bañaban espaciadamente y sólo con agua, sin ningún tipo de jabón o champú.
Queda sin medicación.

Comentarios
Este simple caso me sirve en realidad de excusa para llamar la atención sobre un tema muchas veces no teniendo en cuenta lo necesario. Me refiero a los llamados OBSTACULOS A LA CURACION. En efecto, Hahnemann en los parágrafos 94 y 252 se refiere a este tipo de factores de perturbación.
En el 94 intenta encontrar los elementos etiológicos favorecedores o mantenedores de enfermedades, incluyendo -siempre según Hahnemann- las circunstancias en su vida de hogar, régimen de vida y DIETETICO, factores que- a veces; en sí mismos- son causas de enfermedades y otras, verdaderos OBSTACULOS A LA CURACION.
En el parágrafo 252 dice claramente: ” Si el remedio bien elegido, dado a la dinamización correcta, no consigue una mejoría, este hecho es indicado seguro de que hay UN OBSTACULO A LA CURACION, ya sea en el género de vida del enfermo o en su medio ambiente. La conducta a seguir es APARTAR ESE OBSTACULO para que la curación llegue a ser permanente”.
Hoy en día, en la realidad más habitual de nuestros pacientes, podemos ver algunas circunstancias de este tipo y será nuestra obligación inducir su modificación si pretendemos que el medicamento- bien elegido- pueda actuar correctamente.
Sólo a manera de ejemplos y dejando amplio espacio para futuros agregados de la experiencia colectiva, éstos son algunos de los más comúnmente vistos:

* Dueños fumadores: agravantes para un animal con alguna enfermedad respiratoria aguda o crónica como EPOC, neoplasias pulmonares, cardiopatías, traqueítis crónica, asma felina, síndrome de Pickwick o bronquitis crónicas entre otras muchas. Todo esto es peor aún, en un paciente añoso. Hay algunos informes de Rx. de tórax que revelan detalladamente esta eventualidad.
El humo del tabaco acumulado excesivamente en el ambiente, además de atentar contra la salud del animal, puede- como tantas otras sustancias aromáticas- inutilizar las dinamizaciones homeopáticas en uso.

* Dueños muy medicados (ellos): Que con gran discrecionalidad y espontaneísmo medican a su mascota ante cualquier cosa. (Desde aspirinas hasta sedantes, antiespasmódicos, pseudo-protectores hepáticos -Hepatalgina- antivomitivos o jarabes para la tos, remedios florales, aplicaciones locales de aloe vera o pomada “átomo” y un larguísimo etcétera). Los efectos de estas prescripciones caseras van desde intoxicaciones hasta verdaderas supresiones.

* Hábitos sedentarios de la mascota. Situación crítica en obesos en general y en felinos castrados mayores de 6 años, en ciertos tipos de artropatías, o en pacientes con antecedentes de SUF o discopatías dorsolumbares. Muchas veces se acompaña de ítem siguiente:

* Habitats sin sol, sin aire, con aire acondicionado, condiciones ambientales de gran importancia en la génesis y mantenimiento de atopías y diversas patologías respiratorias.

* Dueños obsesivos con el frío, viven preocupados al máximo por esta condición climática y así abrigan al perro o gato- no importa cuan velludo sea su manto- con poleras, pullóveres y mantas y/o capas para lluvia, los mantienen siempre con losa radiante o con estufas prendidas aún en verano!

* Otras obsesiones frecuentes, son las lágrimas artificiales y todo tipo de colirios que le colocan- rutinariamente- a los ojos de algún gato o perro sin razón alguna. Abunda esta desviación en dueños con problemas oculares o usuarios de lentes de contacto.

* Dueños obsesivos con el “olor a perro” , son personas que confunden permanentemente la supuesta necesidad de higiene de su perro, con la sensibilidad olfatoria de ellos (de los dueños). De allí se derivará la justificación de baños tan frecuentes como puedan (como el caso que acabamos de ver…) y combinado- si el canino colabora – con la limpieza de oídos con alcohol o alcohol boricado, seguido de una intensa comprensión de sus glándulas anales!
Esta obsesión “olfatoria” de estos dueños, suele complementarse con la ayuda de una gran variedad de sahumerios, desodorantes ambientales y hornitos de esencias aromáticas que no sabemos- si realmente pueden alterar o no- nuestros medicamentos dinamizados.

* Irregularidades en la dieta, o gran facilidad para las transgresiones alimentarias de la mascota. Se presenta frecuentemente esta situación en núcleos familiares con niños de corta edad o abuelos muy mayores, quienes por ignorancia, descuido y/o picardía “comparten” parte del alimento humano con la mascota.
La justificación verbalizada de tal conducta es ” total, este pedacito que la va a hacer…”
Estas conductas inadecuadas ” de su vida de hogar”, diría Hahnemann, pueden adquirir rango de obstáculos a la curación en síndromes de mala absorción intestinal, pacientes con intolerancias o alergias alimentarias o simplemente en pacientes con episodios frecuentes de vómitos y/o diarreas.

Conclusiones
Las conclusiones parecen casi obvias. Todos conocemos por doctrina y experiencia el poder curativo- a veces espectacular- de los medicamentos homeopáticos. En muchas oportunidades- aún en las condiciones sanitarias más adversas y desfavorables- cuando la cura era inesperable o altamente improbable, el medicamento bien elegido ha obrado maravillas. Pero también, seguramente, a menudo, no hemos llegado a buen puerto terapéutico. Convendrá entonces releer sin más estos ilustrativos y prácticos parágrafos del Organón (además repasar los Nros. 7, 94, 208, 240, 252 y 260) antes de rendirnos al fracaso. Convendrá también recordar que somos profesionales universitarios del arte de curar y que no es bueno ni correcto atribuir a nuestros medicamentos dinamizados poderes omnímodos o mágicos, capaces de enfrentar triunfantes, cualquier universo energético circundante a nuestros pacientes. Con que logren recomponer su Energía Vital alterada- “eso que llamamos enfermedad”- será más que suficiente. Y maravilloso.

 

 

Administración y programación: El Barto Diseño Web  

 

Congresso Siov Ottobre 2011 Animal Machine Le tecnopatie nel cavallo

Congresso Siov  Ottobre 2011 Animal Machine Le tecnopatie nel cavallo

Si è svolto sabato 29 e domenica 30 ottobre  a Bologna il congresso nazionale SIOV, società italiana di omeopatia veterinaria.  Diversi i temi trattati: clinica, ricerca repertoriale dei sintomi, casi in video, epistemologia omeopatica. L’ospite straniero Marc Brunson, noto veterinario belga, si è diffuso sulla materia medica omeopatica quale fondamento ,insieme alla dottrina,  della formazione di un omeopata.

L’ippiatria è stato il tema centrale dei lavori della domenica mattina. Un folto numero di veterinari, fra i quali la dott.ssa Rigonat dell’AUSL di Modena, e la presidente dell’associazione Bucefalo, Lucia Paiano, ha ascoltato la relazione di apertura del  dott. Battigelli, L.P. ippiatria di Bologna . Questi , nel presentare l’argomento, LE TECNOPATIE NEL CAVALLO , ha segnalato   come in tempi non sospetti di andazzi” alla moda”  l’omeopatia già si occupava di temi ora attuali e condivisi proprio perché sono parte integrante della propria epistemologia. Il ruolo del veterinario omeopata nel contesto dell’ippiatria non si limita a curare, ma  mira ad educare gli operatori a un’etica del comportamento nei confronti del cavallo  che potrebbe ridurre e lenire le sofferenze dovute  allo stress nell’adattarsi a condizioni molto lontane dalla sua natura.

 

 carla

Il titolo del lavoro affrontato dalla Dott.ssa Carla De Benedictis, medico veterinario a Velletri (Rm),   “Animal machine, le tecnopatie del cavallo”,  esemplifica le difficoltà dell’applicazione del metodo omeopatico, che ha come condizione la rimozione degli ostacoli alla guarigione. La dott.ssa De Benedictis ha dimostrato come il cavallo sia a tutti gli effetti un animale tecnologico e soffre di malattie condizionate dalla domesticazione e dall’uso troppo precoce, nonché da patologie che si strutturano nei momenti critici di passaggio come svezzamento, doma, allenamento, e fine carriera.

Nonostante i limiti applicativi di una medicina come l’omeopatia, che cura il paziente e non la malattia, molte azioni si possono mettere in atto per migliorare anche parzialmente le condizioni di vita del cavallo.

 

 

 L’approccio integrato più che azioni preventive, ha segnalato la relatrice, prevede una combinazione sostenibile di azioni che cercano di limitare o prevenire i danni dovuti alla farmaco resistenza, all’impatto ambientale, alla sicurezza alimentare ( DPA) . In particolare il tema del benessere animale non può limitari all’enunciazione di  principi ma deve concretizzarsi in azioni mirate a lenire le sofferenze del cavallo durante la sua vita.

Si è pertanto enfatizzata la mancanza di movimento per la reclusione coatta all’interno di un box che, come dimostrano i rilievi ambientali fatti in materia ,non risponde ai requisiti minimi massa /volume occupato, in un sistema  completamente antifisiologico e responsabile, insieme ad altri fattori, dell’instaurarsi di problemi comportamentali.

Particolare attenzione deve essere rivolta, per evitare al cavallo inutili sofferenze, anche all’acquisto di selle inappropriate, all’ uso scorretto dell’imboccatura che porta a patologie muscolo-scheletriche , alla ferratura specie se correttiva che, se presenti le essenziali condizioni d’ambiente, può essere sostituita da un pareggio naturale.

La relazione  della dott.ssa De Benedictis si è focalizzata inoltre sull’’esposizione di alcuni casi clinici che illustrano i vari livelli applicativi dell’omeopatia, dal sintomo fisico a una prescrizione più profonda se si ha a disposizione la storia biopatografica del paziente. La relatrice ha infine segnalato che, evitando ricette precostituite , il fine ispiratore del suo lavoro era quello di stimolare una riflessione su “come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta. “ (Alexander Langer).

 

 

 

UFFICIO STAMPA SIOV

 

 

L’ OMEOPATIA NELLE VALLI DI ZERI

L’ OMEOPATIA NELLE VALLI DI ZERI

src=”http://omeopatia-veterinaria.com/wp-content/uploads/2014/07/foto-zeri.jpg” alt=”foto zeri” width=”221″ height=”166″ class=”alignright size-full wp-image-761″ />

 

 L’ OMEOPATIA NELLE VALLI DI ZERI, UNA COLLABORAZIONE TUTTA AL FEMMINILE

Dott.ssa  Francesca Passeri

Medico Veterinario

Scuola CIMI-Koinè

 

info@francescapisseri.it

 

 In Alta Lunigiana (provincia di Massa-Carrara), da alcuni anni nel comprensorio di Zeri sono attivi progetti di ricerca sull’applicazione della medicina omeopatica nell’allevamento ovino. Zeri è un comune di montagna: comprende tanti piccoli borghi, con una popolazione in continua decrescita poiché il territorio offre scarsi sbocchi lavorativi ai giovani. Tipica di questa zona è la pecora di razza Zerasca, di taglia medio-grande, cornuta, magnifica pascolatrice nelle zone impervie. Inoltre, l’agnello pesante di Zeri la cui produzione è un agnello pesante. L’ agnello di Zeri, per le sue pregiate caratteristiche organolettiche, è divenuto da alcuni anni presidio slow-food. Un gruppo di giovani donne, istruite e sensibili, riprendendo in mano recuperando il mestiere che era stato dei loro nonni,  ha deciso di dedicarsi a questa pastorizia di qualità e, insieme agli altri allevatori, ha istituito un Consorzio per la valorizzazione del loro prodotto. Si tratta di Patrizia Figaroli, Valentina Merletti, Cinzia Angiolini, che hanno deciso di investire le loro energie nella loro terra, e con grande amore si dedicano a un mestiere duro e faticoso.

Le allevatrici di Zeri sono molto attente alla salute e al benessere delle loro pecore e cercano di capire e approfondire i problemi che si verificano nei loro allevamenti.

 Hanno quindi accolto con entusiasmo la proposta di sperimentare la medicina omeopatica per il controllo delle parassitosi, in particolare le strongilosi gastro-intestinali; quindi, dal 2002 in poi, sono stati intrapresi diversi progetti di ricerca in collaborazione con l’Università di Pisa , Dipartimento di produzioni Animali e Dipartimento di Clinica Veterinaria della Facoltà di Medicina Veterinaria della Università di Pisa, Istituto Zooprofilattico Sperimentale Regioni Lazio e Toscana, Sezione di Pisa.Anche il gruppo di ricerca è costituito da donne: Novella Benvenuti , Giuliana Terracciano, Lorella Giuliotti, e la sottoscritta, si tratta di un gruppo interdisciplinare costituito da zootecnici, clinici, omeopati, esperti di analisi di laboratorio.

Insieme alle allevatrici è stato analizzato il problema delle parassitosi valutandone le relazioni con l’ambiente, la genetica, l’alimentazione degli animali, la gestione dei pascoli.

 Si è messo in luce, ragionando insieme, come la pratica diffusa di somministrare il vermifugo agli animali senza aver compiuto alcuna analisi preliminare non sia corretta in quanto i vermifughi hanno un forte impatto sull’ ambiente: basti pensare che il più utilizzato, l’Ivermectina, rimane per 50 anni nel terreno, può inquinare falde acquifere e produzioni vegetali, può risultare tossico per il terreno perché uccide molti utili microrganismi del terreno. Si è, inoltre, evidenziato come gli animali possano vivere in equilibrio con i parassiti che  sono utili, se in quantità non eccessiva, a potenziare la immunità dell’ animale stesso. Si è, quindi, stabilito di sottoporre i greggi a un monitoraggio parassitologico per  misurare la carica parassitaria (Uova per Grammo di Feci) nelle varie stagioni dell’anno, e tentare il trattamento omeopatico in una parte delle pecore. Sono state monitorate tutte le specie parassitarie che colpiscono gli ovini: i distomi, le tenie, i coccidi, gli strongili bronco-polmonari e gli strongili gastro-intestinali.

Il  medicinale omeopatico di fondo è stato prescritto in base alle caratteristiche del singolo gruppo: ogni gregge ha così avuto il suo medicinale .

La visita omeopatica comprende un’accurata osservazione del territorio e del clima,  delle strutture, dell’alimentazione, dei rapporti uomo-animale e delle dinamiche all’interno del gregge; si prosegue con  una indagine patologica recente e remota del gruppo, un’analisi dei comportamenti riferiti alla etologia della specie e delle modalità con cui i singoli animali del gregge si rapportano all’ambiente. Si effettua la visita clinica tradizionale dei soggetti ammalati con eventuali esami di laboratorio. I protocolli di ricerca comprendevano analisi parassitologiche, del sangue, rilievi clinici e produttivi:  sono stati sempre rispettosi del benessere animale dimostrando come si possa fare ricerca su modelli animali senza ricorrere ad animali da laboratorio. Tali ricerche, grazie all’utilizzo della omeopatia negli allevamenti, hanno anzi accresciuto il benessere delle pecore perché l’ approccio omeopatico ha reso più consapevoli le allevatrici rispetto alla gestione e alle esigenze dei loro animali. I risultati scaturiti dalle ricerche hanno indicato come spesso nelle razze ovine rustiche non vi siano relazioni significative tra carica parassitaria, analisi del sangue e fertilità degli animali facendo riflettere circa l’opportunità di effettuare i trattamenti farmacologici convenzionali antiparassitari rischiosi, come sopra indicato, quando vi sia una situazione di buon equilibrio tra ospite, ambiente e parassita.

Il  medicinale omeopatico ha indotto, nei vari esperimenti, un contenimento della carica parassitaria al di sotto della soglia di rischio, buoni livelli produttivi e un soddisfacente stato di salute degli animali in prova, stimolando positivamente la resistenza degli animali.

foto zeri

foto zeri 3

 La metodologia omeopatica è apparsa di pratica utilità grazie alla sua facilità d’uso, ai costi di gestione contenuti, all’assenza di tossicità.

Alcune allevatrici hanno deciso di estendere l’ utilizzo dell’ omeopatia a tutte  le malattie del gregge. Altre di continuare ad utilizzare l’omeopatia anche dopo la fine delle sperimentazioni, e di utilizzare i vermifughi convenzionali solo in caso di effettiva necessità e solo dopo diagnosi corretta. In questo modo hanno ottenuto più di un risultato: mantenuto più pulito il loro ambiente, abbattuto i costi di gestione dell’allevamento, valorizzato ulteriormente il loro prodotto agli occhi dei consumatori.

Nell’allevamento che voglia perseguire modelli di sostenibilità ambientale e di etica del rapporto uomo-animale, la medicina omeopatica si inserisce come approccio sanitario di prima scelta per la assenza di residui, l’approccio globale alla salute e l’approfondimento delle interazioni  animale-ambiente-uomo.

 

 

 

 

 

RIQUADRO

Come si fa a trovare un  solo medicinale per un gregge? Qui  la metodologia seguita

 

RICERCA DEL MEDICINALE utile a tutto il  GREGGE PER IL TRATTAMENTO DELLE PARASSITOSI in uno degli allevamenti considerati nel progetto di ricerca: dell’allevamento di Cinzia, consistenza: 200 pecore.

Si considerano gli aspetti ambientali e di gestione.Gli ovini  sono ricoverati in un ovile nelle ore notturne tutto l’anno per la presenza  di predatori (lupo), pascolano nelle ore diurne, integrazione alimentare a base di fieno e cereali.

Storia (Anamnesi) patologica: frequenti episodi di bronchiti e polmoniti sia nei soggetti giovani che negli adulti; nei giovani mortalità e disturbi gastro-enterici con meteorismo; negli adulti tosse secca,  rare mastiti; sono annualmente effettuati due trattamenti antiparassitari con farmaci tradizionali.

 Si valuta poi il COMPORTAMENTO DEL GREGGE come se fosse un solo individuo.

Le pecore sono comunicative, molto vivaci e giocherellone; in alcuni momenti c’è competizione fra loro; l’allevatrice riferisce che questo gregge tende a non seguirla, manifestando una certa autonomia, anche l’operazione di far rientrare le pecore nell’ovile, pur se con l’aiuto del cane, è difficoltosa.

Gli animali, appena  vedono da lontano il nostro gruppo che si avvicina, richiamano l’attenzione belando insistentemente .

 

Caratteristiche del gregge considerate importanti  per la scelta del medicinale omeopatico

Relativa autonomia e una certa fierezza (dato comportamentale molto particolare trattandosi di pecore), vivacità e comunicatività, problemi respiratori

 

PRESCRIZIONE – In questo gregge è stato prescritto un medicinale omeopatico  della famiglia dei serpenti, alla decimillesima diluizione Korsakoviana. La somministrazione è stata fatta alle singole pecore  per via orale con erogatore a spruzzo, una volta ogni 15 giorni per due mesi.

 

 

BOX  PARASSITOSI

 

 Gli ovini sono una delle specie domestiche maggiormente colpite dalle parassitosi, i parassiti interni (endoparassiti) degli ovini appartengono a diverse specie e generi di protozoi, come i coccidi, ai platelminti, come le tenie, ai nematelminti, come gli strongili.

 Gli animali convivono, senza subirne danni, con quantità limitate di parassiti, mentre se i parassiti aumentano oltre una certa soglia si possono avere disturbi quali dimagramento, anemia, diarrea e tosse se si tratta di parassiti che colpiscono l’albero respiratorio.

L’ organismo animale è dotato di capacità di resistenza ai parassiti, cioè di limitare la carica parassitaria tramite i propri meccanismi di difesa organica, e la capacità di resilienza, cioè di tollerare senza ammalarsi la presenza dei parassiti stessi. Si suppone che la terapia omeopatica possa agire stimolando entrambe tali capacità dell’ organismo animale. I progetti di monitoraggio svoltisi negli ultimi 8 anni nelle valli di Zeri hanno riguardato il controllo di tutte le specie parassitarie presenti, sono stati inoltre tenuti sotto controllo i valori  del sangue, la fertilità e i sintomi clinici. Nell’ ultimo progetto è stato inoltre valutato lo stato immunitario.

foto zeri 2

EMERGENZA FARMACO RESISTENZA

Granulo n 16

 

EMERGENZA FARMACO RESISTENZA

 

Se vi dicessero che anche nell’acqua da bere ci sono residui di farmaci, pensereste forse che è lo stupido allarmismo di qualche estremista ecologista.

Invece questa affermazione è stata fatta in un seminario tenutosi a luglio scorso presso la  Scuola Internazionale Ambiente  Salute e Sviluppo Sostenibile di Firenze.

Di farmaci ormai uomini e animali ne assumono quantità enormi e di ogni tipo. Ciò che pochi sanno è che i residui delle medicine vengono escreti con feci e urine in forma ancora attiva, cioè ancora VIVI e potenzialmente dannosi se entrano in contatto con l’ambiente. La rete fognaria purtroppo non è adeguata a trattenere queste molecole, perché si dovrebbero dotare i depuratori di filtri molto costosi, e dunque in questo modo le molecole attive dei farmaci vanno ad inquinare laghi, fiumi,falde acquifere,mari provocando mutazioni genetiche negli organismi acquatici e misteriose morie di animali.

Se pensiamo a tutti gli allevamenti intensivi che esistono e le tonnellate di farmaci che servono per evitare patologie infettive in uno stato di sovraffollamento, e che le deiezioni degli animali spesso vanno ad irrigare i terreni agricoli per concimarli, e che frutta, verdura e cereali li assorbono, ci rendiamo conto di quanto l’inquinamento da farmaco sia esteso e pericoloso.

Un antiparassitario a largo spettro, che può uccidere molte specie di parassiti anche quelli di cui l’animale non è infestato, il cui principio attivo è l’Avermectina, è stato dimostrato avere un altissimo impatto ambientale. Infatti una volta somministrato agli animali, viene escreto con le feci ancora attivo, in grado cioè di uccidere molti organismi utili del letame che aiutano la decomposizione e che rielaborano l’azoto presente nelle feci, che è fonte di inquinamento delle acque. Questi insetti sono cibo per i pipistrelli, che non trovandolo più o inquinato, muoiono. Il pipistrello può mangiare un notevolissimo numero di zanzare e pappataci l’estate, mantenendo un equilibrio ed evitando che si diffondano sempre di più  malattie trasmissibili da questi insetti, come la leishmaniosi nel cane e nell’uomo o la West Nile Disease nel cavallo. Se si rompe un equilibrio, insorge malattia.

 

 L’OMS ha lanciato un allarme inquietante: malattie come la tubercolosi, la malaria e l’HIV si stanno modificando e diventano sempre più resistenti ai farmaci, tanto da mietere sempre più vittime. Se gli antibiotici e antivirali hanno salvato molte vite in passato, ora si rischia di ritornare all’epoca pre-antibiotici e morire di nuovo di malattie che avevamo sconfitto. Sono in aumento anche allergie e malattie autoimmuni.

 La resistenza ai farmaci è in aumento soprattutto a causa dell’uso eccessivo di antibiotici nei paesi ricchi mentre nei paesi poveri i medicinali vengono utilizzati in maniera insufficiente e incompleta. Sappiamo infatti che se alcuni farmaci come per es quello della tubercolosi, non viene preso alla giusta dose per il periodo indicato, crea resistenza al trattamento successivo che risulta inefficace. Inoltre la quota consentita di antibiotici nelle carni che noi assumiamo, ci induce resistenza o allergie gravi a farmaci che usiamo per curarci.
L’OMS ha fatto appello ai medici dei paesi sviluppati affinché riducano le prescrizioni di antibiotici che sono effettivamente necessari  solo nella metà dei casi in cui vengono utilizzati.  Infatti per un comune raffreddore o bronchite spesso si ricorre all’antibiotico o addirittura in casi più complicati si compra un medicinale che “ha fatto bene” a un nostro amico o parente. La facilità con cui si reperiscono medicinali anche veterinari è un’altra delle cause di questa emergenza.

L’omeopatia  si inserisce a pieno titolo in questo contesto in quanto priva di residui ed eco sostenibile. Molti studi scientifici sono stati fatti sull’efficacia del trattamento omeopatico sia sull’uomo che sugli animali.  Negli articoli “granuli sotto esame”  dal numero 8 in poi, troverete i riferimenti scientifici di studi effettuati comparando antibiotici e omeopatia  e li potete consultare sul sito www.fiamo.it  sotto rivista per pazienti.