European Traditional Medicine -International Congress- Vinci 2007 HOMEOPATHY IN PIGS

European Traditional Medicine -International Congress- Vinci 2007 HOMEOPATHY IN PIGS

THIS IS A POWER POINT
ETM De Benedictis
carla suinetto
THIS IS THE POSTER
C2007 ETM POSTER

Dott.ssa Carla De Benedictis
Medico Veterinario LFHom
Via Rioli n 64
00049 Velletri Roma
Tel 069625910
Cell 340 8527786
e-mail carladebene@gmail.com
www.lospiritodeglianimali.com

TITOLO L’Omeopatia quale contributo ad un sviluppo ecosostenibile della medicina veterinaria. Esperienze in suinicoltura.

TITLE : Homeopathy as a contribution for an eco-sustainable development in veterinary medicine.
Some experiences in pig breeding farm are discussed.

ABSTRACT Si condivide l’esperienza dell’applicazione clinica dell’omeopatia negli allevamenti tradizionali di suini. Vengono analizzati i vari aspetti per l’allevatore , per il consumatore e l’ambiente.
Ulteriori considerazioni vengono estrapolate per quanto riguarda il Benessere Animale con particolare riferimento ad aspetti etologici e comportamentali della specie suina . Si prendono in considerazione le possibili ricadute di ordine etico e sanitario rispetto alla qualità dell’addomesticamento e delle loro produzioni.

ABSTRACT An outline of the experience about the application of homeopathy in traditional pig breeding farm. the advantages for farmers, consumers and environment are considered.
Animal welfare, with particular attention to ethological and behavioural aspects of pigs, is taken under consideration. Ethical and sanitarian effects of intensive pig breeding farm in relationship with domestication and production are discussed.

ABSTRACT
The application of homeopathic method in 3136 pigs

Dr Carla De Benedictis
Veterinary surgeon
Licenced Associate of the Faculty of Homeopathy LFHom

Via Rioli n 64
00049
Velletri (Rome) Italy
Tel 06 9625910
Cell 3408527786
E mail carladebenedictis@interfree.it

ABSTRACT An outline of the experience about the application of homeopathy in traditional pig breeding farm. the advantages for farmers, consumers and environment are considered.
Animal welfare, with particular attention to ethological and behavioural aspects of pigs, is taken under consideration. Ethical and sanitarian effects of intensive pig breeding farm in relationship with domestication and production are discussed.

INTRODUCTION
One of the most serious problems in modern pig farming are diseases affecting the respiratory system. The fattening and finishing stages, in mild climates such as ours, reach their peak in winter time.
Prenatal and Neonatal losses are one of the most serious problems in pig reproduction. The ethiology of reproductive disorders in sows are viral and bacterial infections of reproductive tract which take place during mating and pregnancy. Mummified fetus, stillbirth, neonatal mortality is the cause of great economic loss and animal discomfort.
Different situation is found in the domestic breeding, very common in rural area of Italy, in which pathologies affecting pigs are due to a mismanagement or lack of vaccinating program.
In all situations I can demonstrate that the application of Homeopathic method is possible with an enormous benefit for the consumer and for animal welfare. A very good knowledge of pig behaviour allows a correct use of classical homeopathic method.

MATERIALS AND METHODS
It has been carried out a survey of 3136 pigs of traditional and domestic breeding farm.
3000 pigs,of an intensive pig meat breeding farm located in the Lazio region have been treated for respiratory disorders with classic homeopathy integrated with conventional therapies in half dosage.
100 sows with reproductive pathologies have been treated with homeopathy and nosodes corresponding to the bacterial findings in the enviroment, but also homotoxicolgy and traditional therapies have been used.
36 cases of domestic pigs, breed for family use, and for this reason, treated only with classic homeopathy.

RESULTS

In the barns treated also homeopathically the consumption of powdered antibiotic in the feed, after the administration of homeopathics decrease dramatically.
For the treatment of sows affected of reproduction pathologies the consumption of antibiotics decreased as the neonatal mortalilty and infertility.
In the single cases of domestic pigs, all pathologies have been resolved with homeopathic treatments.

CONCLUSION
Homeopathy can be used successfully also in traditional intensive farming, in these circumstances we cannot dismiss the use of feeds which include drugs during the critical stages but homeopathy is a valid support because it synergizes and limits the use of antibiotics.
The use of homeopathy limits environmental pollution, decreasing the residual antibiotic in the excretion. According to new directives from the EU samples testing the permanence of residual antibiotic molecules and parasiticidal agents in the meat have begun. The health risk to humans due to contaminated food must be checked in the stable from the animal’s birth in according with H.A.C.C.P. Moreover saving on drugs is an advantage to the breeder. Animal welfare, ethological , behavioural aspects and ethical reflections must be considered.

REFERENCES
Kent J.T. – Repertory of Homeopathic materia medica – Jain Publishers PVT. LTD, New Dheli, 1996 Voll 1e 2
Mac Leod G. PIGS- The Homoeopathic approach to the treatment and prevention of diseases – C.W. Daniel Company LTD, London, 1994
Nigrelli, Gatti, Guizzardi – Le malattie del suino – Ed. Informatore Agrario, Bologna, 1989
Syllabus :10Th International Symposium on Pig Reproduction and Artificial Insemination Rome 5-7 May 2003
Proceedings :4th International Symposium on Emerging and Re-emerging Pig Diseases – Roma Palazzo dei Congressi 29 Giugno / 2 Luglio 2003- P. Martelli ,S. Cavirani, A. Lavazza EDITORS

Omeopatia applicata a un allevamento di suini da ingrasso

Omeopatia applicata a un allevamento di suini da ingrasso

Dr.ssa Carla De Benedictis
Medico Veterinario
Velletri (Roma)
info@lospiritodeglianimali.com

V CONGRESSO NAZIONALE FIAMO 2004 Roma 10-11-12 ottobre

OMEOPATIA UNICISTA COME METODO DI PREVENZIONE E TERAPIA IN UN ALLEVAMENTO DI SUINI DA INGRASSO: RISULTATI PRATICI E CONSIDERAZIONI ETICHE

THE USE OF HOMEOPATHY IN AN INTESIVE PIG MEAT BREEDING: PRACTICAL RESULTS AND ETHICAL CONSIDERATIONS

Riassunto – Viene riportato il risultato di un ciclo di terapie omeopatiche uniciste effettuate in un allevamento intensivo di suini da carne il cui scopo è stato di arginare il diffondersi di patologie respiramtorie e stabilizzare la situazione di morbilità entro limiti tali da non dover richiedere l’intervento massivo di antibiotici, contestualmente a un miglioramento delle condizioni ambientali e di vita.

Summary – It has described the results of a homeopathic therapy carried out in an intensive pig meat breeding with the purpose of limit the outspread of respiratory infectious diseases and the use of antibiotic therapy, at the same time to put under control environmental and animal welfare.

Introduzione – Le Patologie respiratorie del Suino
Le patologie respiratorie sono uno dei problemi più grossi nella moderna produzione suinicola.
Nei climi temperati come il nostro durante le fasi di ingrasso e finissaggio raggiungono la massima incidenza durante l’inverno.
Un fattore chiave è dato dalla scadente qualità dell’aria, dovuta a un inadeguato ricambio della stessa.
Tale qualità è determinata dai livelli dei contaminanti da essa trasportati e che possono essere rappresentati da polveri, ammoniaca, CO2, batteri, funghi ed endotossine.
Un alto livello di CO2 indica scarsa ventilazione nell’unità produttiva con conseguente aumento della concentrazione di polveri ed ammoniaca nello spazio comune.

Eziologia
L’agente eziologico più frequentemente chiamato in causa è Mycoplasma hyopneumonie, che colpisce l’apparato respiratorio, con decorso lento e privo di mortalità se non si inseriscono batteri di irruzione secondaria.
Il micoplasma può associarsi a PRRSV (Porcine Reproductive and Respiratory Syndrome Virus), al virus dell’Influenza Suina ceppo H3N2, al Morbo di Aujeszky, all’Actinobacillus pleuropneumoniae, allo Streptococcus suis, alla Pasteurella multocida ed alla Bordetella brochiseptica formando il Complesso della Malattia Respiratoria del Suino (PRDC).
Può associarsi anche con agenti patogeni nuovi e emergenti come Circovirus, Coronavirus respiratorio del suino, virus della Gastroenterite Trasmissibile (TGE).
Il micoplasma che causa la polmonite enzootica è di dimensioni ridotte, cresce molto lentamente nell’ospite e si attacca alla mucosa tracheo-bronchiale.

Patogenesi
Il Mycoplasma hyopneumoniae è molto lento nella sua colonizzazione, nel formare anticorpi serici e nell’indurre lesioni macroscopiche visibili; dato che è un agente patogeno mucosale sfugge al sistema immunitario.

Sintomatologia
La malattia presenta decorso lento con tosse secca, deperimento, pelo ispido, tendenza del soggetto ad isolarsi dal gruppo, febbre e peggioramento dell’indice di conversione alimentare. Se complicata con germi di irruzione secondaria, la sintomatologia diventa più imponente, con difficoltà respiratoria e mortalità fino al 5-7 %.

Lesioni anatomo-patologiche
Le lesioni in genere sono localizzate ai lobi polmonari apicali, con aree carnificate che vanno da un colore rosso-violaceo al rosa-grigiastro. Se complicato da Corinebacterium pyogenes, al taglio esce un essudato sieroso o mucopurulento. Si riscontrano anche pericarditi secche.

Obiettivi
Da tempo noi veterinari, cerchiamo di dimostrare che, là dove non è possibile abolire i trattamenti con molecole di sintesi inquinanti e pericolose per la salute umana, vuoi per scetticismo dell’allevatore, vuoi per effettivo rischio di perdite economiche ingenti, vuoi per l’impossibilità di ottimizzare le strutture d’allevamento, ecc., sia almeno possibile una drastica riduzione di tali molecole, per lo più antibiotici.
Abbiamo anche notato empiricamente che l’uso dei rimedi omeopatici sui singoli animali rende più efficace la terapia antibiotica, quando questa si renda necessaria. Il passo successivo e logico, è stato quello di osservare che aumentando l’efficacia delle molecole di sintesi in animali trattati omeopaticamente, era possibile forse diminuire le dosi dei farmaci.
Da qui l’idea di verificare anche sui grandi numeri tali possibilità.
Ci rendiamo perfettamente conto che tale tipo di approccio omeopatico non si può definire ortodosso, ma è pur vero che nemmeno i metodi di allevamento a cui ci si riferisce si possono considerare corretti.
Sappiamo molto bene che cosa significa “trattamento omeopatico corretto”, ma sappiamo altrettanto bene che il benessere animale in un allevamento intensivo con grandi numeri di animali presenti e le esigenze del costo/beneficio, necessitano il più delle volte di compromessi di valenza economica ed etica, che voler rifiutare a priori rappresenta solo un segno di poca avvedutezza.
Le contingenze di allevamento e di rapporto con la proprietà, inoltre, hanno impedito una corretta impostazione dei gruppi di prova e di controllo, ciò nonostante crediamo che il nostro contributo abbia valore in quanto segnalazione per successive prove e più corrette dimostrazioni, che non potranno prescindere da stanziamento di fondi per la garanzia dell’allevatore in caso di eventuali perdite economiche e del gruppo di studio omeopatico in caso di risultati negativi.
E’ comunque gratificante ottenere i vantaggi concessi dalle contingenze, ripetiamo, di non semplice risoluzione e rischiose per la propria immagine professionale.
slide-uno
Materiali e metodi
Tipologia aziendale
Si tratta di un allevamento intensivo di suini da carne, situato nel Lazio costituito da 16 capannoni che ospitano circa 1000 suini ciascuno divisi in box che contengono circa 42 suini l’uno per un totale di 15.000 suini presenti.
Gli animali, di provenienza nazionale, arrivano in allevamento al peso di circa 60 kg e ne escono dopo 6 mesi intorno ai 160 kg per la macellazione.
Spesso succede che, per esigenze di mercato e di costi, i suini arrivino in partite successive e da allevamenti diversi, provocando all’interno del capannone una promiscuità tra animali già stanziali e nuovi arrivi.
Una volta formati i gruppi si formano subito le gerarchie tra dominanti e sottomessi e non è più possibile introdurre nuovi elementi nel rispettivo box in quanto non verrebbero accettati.
Nei mesi precedenti alla fase di ingrasso, i maschi sono castrati e ad ambo i sessi vengono estratti i denti canini per evitare danni al capezzolo durante l’allattamento e mutilazioni tra di loro durante l’ingrasso.
Subiscono diversi interventi vaccinali e cicli di terapia antibiotica per prevenire le diarree neonatali e le infezioni conseguenti alla castrazione.
L’alimentazione è a base di sfarinati di cereali mischiati a siero di latte, sottoprodotto dei caseifici, il che rende, secondo l’opinione più diffusa, non necessari gli abbeveratoi.
I ricoveri sono di mattonato, che rende l’ambiente particolarmente umido anche per la presenza delle deiezioni, per i lavaggi quotidiani con acqua, per la presenza del cibo liquido e per le caratteristiche della zona geografica.
La ventilazione è solo naturale, dalle finestre in quanto la ASL per contenere diffusione degli odori sgraditi nell’area circostante ha pensato bene di chiudere e sigillare gli aspiratori (!).
Sarà utile ricordare che il suino non suda attraverso la pelle e sebbene cerchi di evaporare con la polipnea, ciò non è sempre sufficiente per una ottimale termoregolazione nelle strutture intensive di tale tipologia.
Sempre per la termoregolazione, sarebbe molto utile al suino potersi rotolare nel fango, in quanto l’evaporazione risulterebbe più efficace di quella ottenuta solo con acqua.

La prova
I capannoni trattati sono stati tre per un totale di circa 2800 suini, arrivati a novembre 2001 da Modena ad un peso tra i 56.5 e 59 kg e macellati a maggio 2002. Tre capannoni adiacenti sono stati presi come controllo ed ospitavano animali in pari numero e analoghe situazioni.
Una partita del gruppo di prova, in particolare, presentava una patologia respiratoria diffusa ed i suinetti erano magri e debilitati.
Decidendo di trattare l’effettivo con il rimedio omeopatico corrispondente alla sindrome, sono state attentamente osservate le manifestazioni patologiche e le rispettive modalità per la diagnosi omeopatica. Non è stato facile trovare dei sintomi mentali in quell’occasione, comunque è stata ottenuta una discreta scelta:
 Tosse secca insistente che peggiora col movimento
 Immobilità assoluta, restano sdraiati
 Lesioni agli arti e si coricano sull’arto malato
 Non vogliono esser toccati
 Messi in un box a parte con alimentazione asciutta migliorano

Con questa sindrome, Bryonia si imponeva come prima scelta e viene prescritta alla 1000CH sciolta prima in acqua e aggiunta nel vascone della broda e fatte girare per circa mezz’ora, unica somministrazione, insieme a tilosina in polvere (macrolide efficace contro il micoplasma) A METÀ DELLA DOSE consigliata (il trattamento convenzionale consiste in una miscela di ossitetraciclina, spiramicina e tiamulina in polvere sciolta nel vascone della broda con mangime e siero di latte per tre giorni consecutivi).
Secondo trattamento dopo una settimana: Bryonia 1000CH insieme ad Antimonium crudum, perchè in un capannone in particolare gli animali facevano fatica ad adattarsi, il siero di latte è molto acido e stanno passando a una alimentazione molto spinta che può creare indigestioni, sempre con antibiotico a metà dose.
Terzo trattamento dopo una settimana: è Sulphur 1000CH per sostenere l’aumento esponenziale delle masse muscolari dei suinetti in questa fase di accrescimento.
Quarto trattamento dopo una settimana: Bryonia XMK
Quinto trattamento dopo una settimana: Bryonia XMK
Sesto trattamento dopo una settimana: Sulphur 1000CH

Risultati e discussione
Nei tre capannoni trattati anche omeopaticamente il numero dei soggetti affetti da tosse è diminuito nell’arco una settimana subito dopo la prima somministrazione di Bryonia.
Il consumo degli antibiotici in polvere nel mangime è stato solo di tre sacchi da 1 kg di tilosina.
Per i tre capannoni sono stati impiegati 9 flaconi di tilosina iniettabile e 12 di penicillina per i casi singoli più gravi.
L’incremento ponderale non è stato rilevante, ma è migliorato lo stato generale, dato che nel capannone più malandato, i morti sono stati solo 2 e quelli inviati al macello per lesioni agli arti solo 11.
L’aggressività non si è ridotta, di contro vi era una certa eccitazione, forse dovuta al buono stato di salute.
Nei capannoni di controllo le medicazioni hanno seguito l’iter tradizionale con mangime medicato a base di ossitetraciclina, tiamulina e spiramicina per tre giorni consecutivi. Il consumo è stato di 50 kg per principio attivo. Le terapie individuali sono state effettuate consumando 72 flaconi tra penicillina e tiamulina.
La mortalità è stata di 15 soggetti e l’invio al macello per lesioni agli arti sono stati 20.
In sintesi, considerando l’andamento e la risposta di questi tre capannoni alla terapia, si possono riassumere i risultati nella seguente tabella che, per quanto abbiamo premesso, non può avere rigore scientifico, ma solo indicativo:

Gruppo di prova Gruppo di controllo Vantaggio %
Antibiotico polvere 3 Kg 150 Kg – 98
Antibiotico flaconi 21 72 – 70,83
Mortalità 2 15 – 86,6
Riforme per arti 11 20 – 45

E’ chiaro che migliorando le condizioni ambientali queste percentuali possono migliorare ulteriormente, ma spesso, e questo è il nostro caso, non è possibile effettuare migliorie per la poco lungimirante politica della nostra zootecnia locale, che tende più a far chiudere e ad eliminare completamente realtà produttive piuttosto che sostenerle e incrementarle.
I reperti anatomo-patologici rilevabili alla catena di macellazione hanno confermato la tendenza espressa dai valori della mortalità e delle lesioni agli arti: negli animali di prova le lesioni erano localizzate e senza interessamento linfonodale; il fegato, di solito steatosico in animali da ingrasso, era privo di lesioni apprezzabili; pericarditi secche e polmoniti apicali erano sporadiche e circoscritte.
Nei suini dei capannoni di controllo le lesioni erano più estese, organizzate e frequenti per soggetto esaminato.
m4ud3im31a
Conclusioni
E’ possibile utilizzare con successo l’omeopatia unicista anche in allevamenti intensivi tradizionali ed anche parzialmente nello stesso allevamento.
Non si può prescindere, in queste realtà, dall’uso di mangimi medicati in fasi critiche, e l’omeopatia è un valido sostegno, perché sinergizza e limita l’uso di antibiotici.
Considerando la notevole incidenza e interazione delle malattie respiratorie che colpiscono il suino, che vaccinazioni a tappeto e terapie antibiotiche non hanno avuto il potere di arginare, l’omeopatia unicista è uno strumento in più per indurre resistenza alle malattie.
L’uso dell’omeopatia unicista rispetto ai complessi rende possibile intervenire in fasi acute e critiche adeguando le potenze e i dosaggi alla patologia, pregio inestimabile che i complessi non hanno ingabbiati nelle loro formule fisse.
Il costo ridotto dell’omeopatia unicista rispetto ai complessi, permette di introdurre cambiamenti in allevamento senza troppe resistenze da parte degli allevatori.
Gli animali trattati omeopaticamente non subiscono terapie individuali ripetute ed oltremodo stressanti.
Si sa, ma è bene ripeterlo, che l’uso dell’omeopatia limita l’inquinamento ambientale diminuendo il tasso di antibiotico residuo nelle deiezioni. Questo porta alla sopravvivenza dei fanghi attivi nei depuratori e dunque una qualità delle acque di scarico che risultano meno inquinanti.
In base alle nuove normative CEE sono iniziati controlli a campione per evidenziare la persistenza di residui di molecole di antibiotici ed antiparassitari nelle carni. Con l’uso dell’omeopatia si riduce il rischio alimentare, ricordandoci il motto from stable to table, “dal forcone alla forchetta”.
Il rischio alimentare per l’Uomo deve essere controllato in stalla fin alla nascita degli animali (Hazard Analysys Critical Control Point – H.A.C.C.P. – D.L. 155/97) e l’omeopatia è una grande risorsa per tale scopo.
Ancora, da considerare il risparmio economico sui farmaci: è un vantaggio per l’allevatore e consente al Veterinario di gestire in prima persona le terapie.
Il calo del consumo di antibiotici viene avvertito dai fornitori, che dimostrano una certa apprensione, e questo è un aspetto che non va trascurato e che può essere di grosso ostacolo all’espandersi dell’omeopatia unicista.
Infine, meno lavoro per il personale che effettua le terapie quotidiane con grande spreco di energia e di tempo sottratto ad altri lavori.

Considerazioni di tipo etico
Mi sono chiesta più volte se la mia impostazione di veterinario omeopata e agopuntore fosse in contraddizione con il concetto di allevamenti intensivi. Probabilmente si, ma ciò che io posso fare è rendere la breve permanenza nel mondo dei rispettivi animali il meno disagevole possibile. Le condizioni in cui vivono sono difficili e frustranti, completamente al di fuori della loro natura e la malattia è sicuramente un disagio che li rende più vulnerabili dal punto di vista sociale e dunque più sottomessi e più frustrati.
Un ultimo punto: il nostro pianeta sta andando incontro a desertificazione anche a causa degli allevamenti intensivi e l’80% circa dei cereali prodotti nel mondo serve ad alimentare animali da allevamento.
Penso che ognuno di noi potrebbe contribuire prendendo coscienza di ciò e promuovendo un’evoluzione dell’allevamento intensivo che punti più sul benessere animale e sulla qualità, piuttosto che sulla quantità, anche se questo può voler dire mangiare meno carne, che è comunque ciò che si faceva una volta, in cui ci pare l’Uomo fosse più sano e gli animali pure.

Bibliografia
Bertacchini F., Campani I. – Manuale dell’allevamento suino – Ed agricole, Bologna, 2001
Canello S. – Teoria e metodologia omeopatica in Medicina Veterinaria – IPSA, Palermo, 1995
Del Francia F. – Omeopatia per la cura degli animali – RED, Como, 1990
Kent J.T. – Lezioni di materia medica omeopatica – IPSA, Palermo, 1998
Kent J.T. – Repertory of Homeopathic materia medica – Jain Publishers PVT. LTD, New Dheli, 1996
Mac Leod G. – The Homoeopathic approach to the treatment and prevention of diseases – C.W. Daniel Company LTD, London, 1994

Nigrelli, Gatti, Guizzardi – Le malattie del suino – Ed. Informatore Agrario, Bologna, 1989
Ortega P.S. – Introduzione alla medicina omeopatica – IPSA. Palermo, 2001
Rifkin J. – Ecocidio – Mondatori, Milano, 2001
Schering-Plough Animal Health – Il Complesso della Malattia Respiratoria del Suino – CD Room divulgativo, Prima Edizione.

PER QUALSIASI NECESSITA’ CHIAMARE CELL.: 340 8527786

Applicazione dell’omeopatia a un allevamento di scrofe per mortalità neonatale

2004 BROCHURE FIAMO

2004 congresso fiamo

Titolo: un caso aziendale di mortalità neonatale suina. Dal superamento della crisi all’eugenetica. Applicazioni pratiche di omeopatia unicista in un allevamento tradizionale di scrofe.

Riassunto: si tratta di un lavoro svolto in un allevamento tradizionale di scrofe che per due anni ha avuto ingenti perdite economiche dovute alla elevatissima mortalità neonatale. E’ stata utilizzata l’omeopatia come supporto nella fase critica come prevenzione in una fase successiva.
Stabilizzata la situazione si è applicato su un gruppo di scrofe l’eugenetica per osservare il consolidamento dell’immunità: risultati e benefici ottenuti

Introduzione: La mortalità neonatale suina è uno dei problemi più grossi che affliggono gli allevamenti intensivi di scrofe. E’ dovuta principalmente a due cause fondamentali
1. a schiacciamento e ipotermia per mancata assistenza al parto
2. ad agenti patogeni virali e batterici contratti durante l’accoppiamento e la gestazione.
Dal punto di vista economico il danno è notevole in quanto la resa economica per l’allevatore inizia quando la nidiata supera i 10 elementi svezzati con la minor spesa possibile.

Obiettivi
1. interrompere la mortalità neonatale
2. stabilire interventi correttivi
3. sperimentare attraverso l’eugenetica il consolidamento dell’immunità

Come uso fare da tempo nell’applicazione dell’omeopatia negli allevamenti per poter far conoscere,accettare e consolidare un metodo terapeutico diverso e nuovo, non escludo mai l’utilizzo di antibiotici, ma enfatizzo il miglioramento delle condizioni ambientali, l’alimentazione corretta, il benessere animale. Poi propongo anche l’uso dell’omeopatia che viene sempre accettata bene perché inserita in un contesto di miglioramento globale.
Non mi e’ possibile prescindere dall’uso di antibiotici quando le situazioni sono critiche, anche se questi spesso e volentieri non hanno l’effetto sperato, e questo dato gioca sempre a mio favore perché è qui che inserisco con successo il farmaco omeopatico.
Quando saranno a disposizione fondi per la sperimentazione si potrà applicare correttamente il metodo omeopatico puro, ma che a mio avviso non avrà mai una totale applicazione nelle aziende zootecniche, pensiamo solo all’uso delle vaccinazioni obbligatorie e alla movimentazione degli animali.
Lo scopo di questo lavoro dunque è quello di dimostrare che l’omeopatia in veterinaria si può usare con successo anche in fasi molto critiche e con risultati veloci e duraturi, che il farmaco omeopatico sinergizza con la terapia antibiotica che può essere drasticamente ridotta con abbassamento di costi, di interventi sull’animale e con aumento delle resistenze alle malattie promuovendo così il benessere animale

Materiali e metodi
Si tratta di un piccolo allevamento di circa 50 scrofe situato a Velletri in provincia di Roma nato nel 1984 e che ha dato al proprietario sempre una buona resa economica vendendo il prodotto ai privati e non essendo vincolato ai prezzi di mercato. Le cose iniziano ad andare male da circa due anni per una costante lenta e progressiva mortalità neonatale che continua in fase di svezzamento e messa a terra per i suinetti sopravvissuti.
Il risultato e’ una perdita economica stimata di circa 600 milioni delle vecchie lire, debiti con i fornitori, scoperto in banca, scontento dei clienti sul venduto che cresce male e si ammala, perdita della clientela e completa sfiducia nella capacità dei veterinari e della loro professionalità.
Agisco contemporaneamente su tre livelli
 attenta analisi delle condizioni igienico sanitarie
 identificare attraverso analisi del sangue e reperti anatomo-patologici l’agente eziologico prevalente responsabile della mortalità.
 iniziare una terapia che blocchi in qualche modo la mortalità altrimenti senza questo risultato l’allevatore non collabora .
Inizio a fare prelievi di sangue alle scrofe e li porto insieme ai maialini morti all’Istituto Zooprofilattico di Perugia nonostante le resistenze dell’allevatore che ha già proceduto in questo modo
Da un’attenta anamnesi della malattia e della sua evoluzione vengo dunque a sapere che dopo un anno di mortalità neonatale l’allevatore decise di sostituire tutto il parco scrofe comprandone delle nuove (senza sapere che le precedenti si stavano progressivamente immunizzando)
Ha così ricominciato l’anno successivo,dopo aver speso una ingente somma di denaro,
con gli stessi risultati disastrosi avuti l’anno precedente sia perché le scrofe avevano portato in allevamento malattie varie e sia perché avevano contratto lì i ceppi esistenti .
Questa tabella riassume gli errori più frequenti dei piccoli allevatori di scrofe

Errore
Intervento correttivo
Introduzione di nuovi soggetti senza essere sottoposti a quarantena

Divieto assoluto di introdurre nuovi soggetti

Piano vaccinale scorretto troppe vaccinazioni e scarsa precisione di intervento nel caso della parvovirosi
Corretto piano vaccinale

Si fa il mangime da solo questo comporta specialmente al momento del parto uno squilibrio tra fibra grezza e proteine essenziali per una corretta lattazione Uso di specifico mangime lattazione

Non lava le scrofe prima della messa in gabbia in questo modo le scrofe portano batteri in sala parto e alla nascita i suinetti attaccandosi alle mammelle ingeriscono una cospicua carica batterica alla quale non sono in grado di fare fronte
Lavaggio delle scrofe con acqua calda , clorexidina spugna e spazzola

Pulisce ma non sanifica la sala parto
Sanificazione delle gabbie parto pavimento ed elementi delle gabbie

Continuo alternarsi di scrofe in sala parto Tutto pieno-tutto vuoto mediante sincronizzazione dei parti
La derattizzazione e’ insufficiente i topi che razzolano nelle mangiatoie per cui deve fare anche il vaccino contro la leptospirosi il topo è anche portatore di malattie batteriche virali e parassiti.
Derattizzazione massiccia con esche protette.

Le scrofe in gravidanza sono alloggiate in box in cui si trovano in soprannumero e si creano tensioni sociali stress cattive condizioni al parto
Diradamento delle scrofe gravide

Il caldo eccezionale dell’anno scorso necessitava di raffreddare le bestie con acqua e come ho ricordato nel lavoro precedente il maiale non suda elevate temperature possono essere causa di sofferenza fetale.
Uso di spruzzini per raffreddare le scrofe.

Scarsa igiene nelle operazioni di taglio coda e castrazione
Uso di strumenti disinfettati per la castrazione precoce , disinfezione alla nascita del cordone ombelicale e cauterizzatore per code.

Diarree post svezzamento Controllo della temperatura in sala ,disinfezione delle gabbie svezzamento e uso di mangime specializzato per quella fase

Come intervenire omeopaticamente?
Mi trovo davanti a una situazione di grave emergenza sia economica che sanitaria che si presenta a decorso asintomatico nelle scrofe. Devo considerare l’entrata di nuovi agenti patogeni da altri allevamenti, l’ immunodepressione per le scarse condizioni igieniche, per le vaccinazioni e terapie a tappeto che hanno indebolito il sistema immunitario e la capacita’ di detossificazione del fegato.

Inizio dunque la terapia omeopatica mirando a neutralizzare gli effetti negativi delle vaccinazioni

THUYA 1000K nell’acqua da bere a tutte le scrofe
Arrivano intanto i risultati dell’Istituto Zooprofilattico che non sono significativi. Decido di andare avanti senza ripetere le prove.
Raccolgo dati sui sintomi della mortalità alla nascita è altissima a volte il 90% se va bene il 50%
I maialini muoiono dopo 2 o 3 giorni con sintomi nervosi di pedalamento febbre elevata 40° c ipotermia successiva senza diarrea
Se riescono a sopravvivere sono sottopeso,
Allo svezzamento sopraggiunge la diarrea e muoiono sui 12-13 kg
Quelli che rimangono vivi sono poco vitali, ipotermici non crescono
Intervengo con Echinacea in gocce per bocca due volte al di’ e un prodotto omotissologico iniettabile ai suinetti che iniziano a mostrare segni nervosi , più per una tranquillità psicologica dell’allevatore che sente così di poter fare qualcosa di utile. Questo è possibile perché i nati sono pochi; su grandi numeri il trattamento individuale del suinetto è impraticabile.
Il mio scopo é invece trattare le scrofe che hanno partorito e in prima battuta scelgo SULPHUR per i seguenti motivi

Funzione tiopessica dello zolfo sul fegato
Entra nel metabolismo degli amminoacidi solforati come il glutatione, usato in medicina come disintossicante
Funzione di eliminazione e accelerazione dei processi di disintossicazione dell’organismo
In un individuo intossicato le ossidazioni sono rallentate in particolare quelle del fegato
Congestione venosa digestiva epatica gastrica e intestinale
Aggrava col calore
La via di eliminazione delle tossine è la cute
Se viene disturbata o o si arresta una via di eliminazione l’organismo reagisce canalizzando le scorie verso un altro organo perché provveda ad eliminare.
Se la cute è soppressa con farmaci antiparassitari, il fegato è ingorgato, intossicato e congestionato, se l’intestino è bloccato e stitico, l’organo bersaglio delle tossine a mio avviso, in una specie pluripara è l’utero. I feti assorbono tutte le scorie materne e alla nascita non ce la fanno a sopravvivere e soccombono nel giro di poche ore all’agente eziologico più aggressivo nell’ambiente.
SULPHUR 1000K
per 3 giorni consecutivi nell’acqua da bere
Tratto anche le scrofe gravide
Viene effettuata alle scrofe al momento del parto la terapia antibiotica.
La fortuna mi assiste nel trovare l’agente eziologico più significativo e responsabile della sintomatologia nervosa: mentre giro l’allevamento vedo che un suino a terra dell’eta’ di circa 3 mesi di quelli sopravvissuti sta male e ha una tumescenza ghiandolare sotto la gola. E’ un classico sintomo di streptococco.
Successivamente alla terapia con Sulphur la situazione improvvisamente si stabilizza.
Non muore più nessun suinetto
Quelli trattati hanno remissione dei sintomi nervosi
Sono trascorse solo 3 settimane
Per me questo vuol dire che le bestie hanno reagito positivamente all’introduzione del farmaco omeopatico e al lento cambiamento della situazione igienico sanitaria.( nonostante il caldo dell’anno scorso)
Ora si può intervenire per bloccare lo streptococco in quanto grazie alla cura omeopatica le scrofe riescono a sopportare meglio lo stress antibiotico.
Per prevenzione faccio fare ai nuovi nati due trattamenti antibiotici distanziati
Non posso permettermi di avere anche un singolo caso di morte
C’e’ di nuovo un caso un maialino giallo rosso che presenta sintomi nervosi lo tratto singolarmente e si riprende diventerà il testimonial di quel nefasto periodo
Settembre 2003
L’allevatore ha ripreso a sorridere ancora non ci crede.
Ora bisogna iniziare a fare prevenzione
Come?
Devo trovare un rimedio che copra sia l’infezione uterina che i sintomi nervosi e successive sequele dei suinetti. E mi ricordo dalla materia medica di aver letto di

ECHINACEA Sintomi di avvelenamento del sangue condizioni settiche generali
Infezioni puerpuerali
setticemia puerpuerale
Diarrea tifoide
Gozzo
Tendenza alla malignità di patologie acute e subacute
Meningite cerebrospinale

Inizio la terapia
Scrofe gravide ECHINACEA 1000 K
Dosi due tappi di ognuno sciolti in due litri di acqua versati nel vascone da 10 quintali due volte a settimana.
Decido anche di usare il nosode STREPTOCOCCINUM 1000K
Su tutte le scrofe 2 tappi sciolti in acqua nel vascone dell’acqua da bere una volta sola.

Sono arrivata a questo rimedio utilizzando i sintomi che presentavano i suinetti che morivano il cui agente eziologico ricordo è lo Streptococco. La similitudine del nosode come “vaccino omeopatico” corrisponde alla sintomatologia presentata dai suinetti.
Da un documento di WILHELM LUX MEDICO VETERINARIO 1833 “Isopatia del contagio” [Tutte le malattie portano nella loro stessa sostanza il mezzo per guarirle…..
Molto spesso si può constatare che l’omeopatia si realizza a perfezione nell’Isopatia, visto che guariscono le malattie contagiose di uomini ed animali con la loro stessa sostanza infettante.”] Alcuni tra i sintomi di Streptococcinum riscontrati in questa situazione sono:
Adenopatie del collo
Artrite e poliartrite delle piccole articolazioni
Stati infettivi con leucopenia e proteinuria
Endocarditi
Movimenti coreiformi

Scrofe in gabbia parto
2 tappi sciolti in due litri di acqua e versati nella cisterna dell’acqua da bere
Sei giorni prima del parto trattamento antibiotico per via orale .
Suinetti al 2° giorno di vita trattamento preventivo alla nascita da ripetere al 7°
Svezzamento a 20 giorni con mangime medicato contro coliformi
Lo streptococco e’ resistentissimo nell’ambiente e l’equilibrio immunitario delle scrofe e’ ancora precario
La terapia continua così tutto ottobre e novembre
A dicembre l’allevatore smette di trattare con antibiotico le scrofe prima e dopo il parto
In quattro mesi con sinergismo di allopatia e omeopatia e corretta gestione ambientale la mortalità neonatale è scesa drasticamente e streptococchi e coliformi sotto controllo.
Gli strascichi della malattia e dei trattamenti ora si fanno sentire sui suinetti svezzati e sui magroncelli che ai primi di novembre sono affetti da una patologia respiratoria con tosse secca e scarso incremento ponderale. Faccio aprire una via di ventilazione sul soffitto del capannone e tratto con BRYONIA 200 CH soggetti dai venti giorni di età in su, verri compresi.
A gennaio 2004
Si interrompono tutte le terapie preventive e rimangono quelle routinarie

La prova eugenetica
Decido di sperimentare su quelle stesse scrofe che davano prodotti morti o ipovitali l’eugenetica.
Si è visto dalla sperimentazione di diversi autori che l’uso di rimedi così detti di fondo, somministrati a intervalli regolari durante la gravidanza possono influenzare la formazione dei foglietti embrionali .Gli esperimenti sono stati effettuati sia sulle donne che su animali con risultati positivi e omogenei. L’eugenetica influenza
 le fasi del parto che ha caratteristiche di essere naturale e veloce
 la fase del secondamento riducendo le ritenzioni placentari
 la fase di involuzione uterina che è più rapida
 la fase dei ritorni in calore regolando la funzionalità ovarica
 il numero e la vitalità dei nati
 la resistenza dei nati dall’eugenetica alle malattie

HANNEMAN nel paragrafo 284 dell’Organon sesta edizione ci dice :
“L’azione benefica dei rimedi sul lattante , mediante il latte della madre o di una nutrice,( allattamento sostitutivo), è veramente meravigliosa. Tutte le affezioni del lattante cedono al rimedio omeopatico, se quest’ultimo è stato selezionato accuratamente, e preso in dosi assai moderate, da colei che allatta il bambino.
Se il rimedio viene somministrato in tal modo, queste affezioni vengono eliminate molto più facilmente e sicuramente, in queste creature innocenti, di quanto non sia possibile più tardi.
….. in ogni caso è indispensabile una cura antipsorica moderata della madre, nel corso della gravidanza…specialmente mediante SULPHUR, …se si vuole distruggere nella madre stessa e nel feto la psora – fonte della maggior parte delle malattie croniche – quasi sempre trasmessa per via ereditaria. I discendenti ne saranno così salvaguardati. Questo è così vero che i bambini, grazie a questo trattamento prenatale, nascono solitamente più sani e robusti, lasciando tutti stupiti; un’ulteriore conferma, questa, della grande verità della mia teoria sulla psora.”

Predispongo un gruppo di 6 scrofe e un gruppo di controllo. Permetto solo la vaccinazione obbligatoria contro la malattia di Aujeszky . Una muore subito per stress da raggruppamento inizio il protocollo eugenetico con 5 scrofe
Data di discesa dalle gabbie 27 gennaio 20004
Calore 3 febbraio 2004 coperte regolarmente dal verro C. Durata della gravidanza 115 giorni (3 mesi 3 settimane 3 giorni)

Primo mese THUJA 1000K dose unica

Secondo mese SULPHUR XMK dose unica

Terzo mese CALCAREA CARBONICA 1000K dose unica

10 giorni prima del parto SEPIA 200K dose unica

THUJA
La scelgo per neutralizzare l’effetto sicotico delle vaccinazioni e per l’effetto che questo rimedio ha nelle forme catarrali e infiammatorie dell’apparato genitale femminile che se permangono dopo il parto provocano infertilità e ritorni in calore.

SULPHUR
Lo abbiamo visto in precedenza

CALCAREA CARBONICA
L’importanza ossea del calcio gli conferisce l’importanza che ha in tutti i processi di crescita, di riparazioni dell’osso, nelle malattie ossee, demineralizzanti, e l’importanza nel tono muscolare, cardiaco e circolatorio e nelle malattie genitali della donna in quanto l’utero è il muscolo che contiene più calcio.
Le cellule nervose per funzionare correttamente hanno bisogno di calcio,in quanto lo ione è necessario al mantenimento dell’eccitabilità del parasimpatico, del vago
nella diuresi e nel metabolismo dell’acqua in quanto antagonista e regolatore dello ione sodio,
nella digestione del latte intervenendo nella coagulazione del latte trasformando la caseina .interviene nella coagulazione del sangue.
Tiroide ovaie e paratiroide hanno bisogno di un buon equilibrio calcico per funzionare regolarmente
Una turba del metabolismo del calcio provoca un rallentamento generale della circolazione linfatica che avrà come conseguenza di gravi modifiche nel funzionamento e nella nutrizione delle mucose e della pelle
Calcarea carbonica agisce su tutte le mucose e in particolare sulla mucosa uterina , via di eliminazione delle tossine.

SEPIA
L’idea di somministrare Sepia 10 giorni prima del parto è partita da frequenti casi di abbattimento pre e post partum e addirittura allo svezzamento. Le scrofe si presentano apatiche, anoressiche, depresse, in assenza di sintomi fisici. Alcune scese dalle gabbie hanno difficoltà ad accoppiarsi, non mostrano interesse per il verro e ci sono diversi ritorni in calore.
La parola chiave di Sepia è ATONIA.
L’intossicazione dell’organismo è lenta , profonda, insidiosa e progressiva.
Tendenza all’aborto per atonia
Anche lo stato psichico delle scrofe in gabbia parto riassume il comportamento Sepia prima nella fase stenica si ha eccitamento e irritabilità. Il giorno prima e qualche giorno dopo il parto astenia e depressione
La costrizione delle gabbie i frequenti parti,l’ allattamento e la riunificazione in gruppi diversi dal precedente sono situazioni stressanti che incidono sulla psiche della scrofa, definita stress da parto, che a mio avviso è invece stress da sfruttamento.
Quella che viene selezionata come attitudine materna io la definirei invece la capacità di adattamento a situazioni costrittive; nelle mie osservazioni ci sono soggetti che poco si adattano e sviluppano patologie di vario tipo.
Il gruppo di controllo continua regolarmente ad assumere le terapie classiche.
Data prevista del parto fine maggio e inizi giugno Una ritorna in calore e partoririrà il 9 di Luglio
I parti sono anticipati di qualche giorno

PROVA CONTROLLO
VIVI MORTI VIVI MORTI
11 3 11 2
2 – 12 2
15 3 10 2
12 – 9 2
16 6 12 2
TOTALE

56 TOTALE
12 TOTALE
54 TOTALE
10
In ambedue i gruppi il risultato è di 44 maialini vivi, in media 8,8 maialini per scrofa
Risultati
MORTALITA’ NEONATALE

L’approccio nei riguardi di un allevamento sia esso intensivo o biologico non deve mai prescindere dall’attenta valutazione delle condizioni ambientali, climatiche, igienico-sanitarie, alimentari, vaccinali, di specie e di razza, di produzioni richieste.

Il veterinario aziendale che a mio avviso vuole fare omeopatia con successo, deve essere informato anche di tutte le innovazioni in campo tecnologico e terapeutico per poter dialogare alla pari con i colleghi allopati

La mortalità neonatale è scesa nel giro di 15 giorni dall’85% al 5%
Le scrofe hanno successivamente partorito senza presentare problemi
Non è stato rilevato fino ad oggi nessun caso di mastite post partum
Agalassia ed endometriti nell’ordine del 2% delle scrofe partorite
Stress pre e post partum si è verificato nell’ordine del 10% e i casi trattati omeopaticamente sono guariti più velocemente

Il consumo di antibiotici è sceso drasticamente del 75% in 6 mesi

Sono stati eliminati 3 vaccini
E’ stato possibile effettuare una rimonta con le scrofette nate in azienda, attualmente tutte gravide
Il peso dei suinetti allo svezzamento è notevolmente superiore ai primi 6 mesi del 2003
E’ stato possibile attraverso una gestione scritta rilevare i ritorni in calore
I topi sono scomparsi

COSTI

EUGENETICA
DATI POSITIVI
I suinetti nati nel gruppo di prova non sono stati mai trattati con antibiotico e pur trovandosi in ambiente promiscuo hanno rivelato una resistenza alle malattie. Alcuni hanno avuto la diarrea che è dipesa però da un cambio di alimentazione delle madri e da una marcata umidità ambientale dovuta alle forti piogge.
Nessun consumo di antibiotici iniettabili
Buona crescita e incremento ponderale
Conferma di una immunità acquisita nel tempo
Minor manodopera

DATI NEGATIVI
La prova eugenetica non ha dato risultati buoni per quanto riguarda il numero dei nati che per un allevamento suino è la cosa più importante. Penso che l’errore sia nella scelta dei rimedi troppo “psorizzanti” e va rivisto il protocollo.
L’errore forse è proprio istituire un protocollo fisso , senza aver valutato con attenzione la situazione aziendale. In linea di massima si può dire che l’eugenetica è possibile dopo aver valutato il livello energetico dei soggetti, la specie trattata, unipara o multipara, le condizioni ambientali, all’aperto o intensivo, la durata della gravidanza,i numeri di parti l’anno e i trattamenti vaccinali e antiparassitari subiti. Le malattie intercorse o possibili e fare una valutazione miasmatica del miasma predisponente.
Che in questo caso è psorico sifilitico 1-3

CONCLUSIONI
Non si puo’ passare drasticamente da animali fortemente trattati e vaccinati al metodo omeopatico puro senza rischiare di avere perdite significative in allevamento.

Per conquistare la fiducia nell’allevatore dobbiamo mostrarci all’avanguardia sulla medicina allopatica, sui prezzi di mercato e sulle nuove tecnologie. Isolarsi in un mondo a parte non ci permette né di confrontarci né di farci conoscere.
Scendendo a compromessi l’uso dell’omeopatia unicista negli animali da reddito è possibile, praticabile e vincente.
Sono le situazioni di emergenza che per quanto drammatiche, ci danno l’opportunità di usare e sperimentare con successo l’omeopatia.
Io auspico che questo lavoro, per quanto imperfetto, apra lo spazio per raccogliere quanta più casistica possibile in modo da fornire al veterinario omeopata di animali da reddito , dati ai quali attingere e sperimentare,senza compromettere la sua immagine professionale e i benessere animale.

Bibliografia
Hanneman S.F.C. OMOEPATIA VI Edizione Ed Dimensione umana Srl Milano 1975
Bertacchini F., Campani I. – Manuale dell’allevamento suino – Ed agricole, Bologna, 2001
Boericke W. – Materia medica omeopatica – Trad. del dott. Roberto Petrucci
Canello S. – Teoria e metodologia omeopatica in Medicina Veterinaria – IPSA, Palermo, 1995
Del Francia F. – Omeopatia per la cura degli animali – RED, Como, 1990
Hodiamont G. – Trattato di farmacologia omeopatica I “Omeopatia e fisiologia”
Julien O.A. – “La materia medica dei nosodi “ Ipsa editore 1997
Kent J.T. – Repertory of Homeopathic materia medica – Jain Publishers PVT. LTD, New Dheli, 1996 Voll 1e 2
Mac Leod G. – PIGS :The Homoeopathic approach to the treatment and prevention of diseases – C.W. Daniel Company LTD, London, 1994
Nash E.B. – Fondamenti di Terapia Omeopatica – Ed. Salus Infirmorum 2000
Nigrelli, Gatti, Guizzardi – Le malattie del suino – Ed. Informatore Agrario, Bologna, 1989
Syllabus :10Th International Symposium on Pig Reproduction and Artificial Insemination Rome 5-7 May 2003
Proceedings :4th International Symposium on Emerging and Re-emerging Pig Diseases – Roma Palazzo dei Congressi 29 Giugno / 2 Luglio 2003- P. Martelli ,S. Cavirani, A. Lavazza EDITORS

COMPORTAMENTO DEI SUINI (ETOLOGIA)

COMPORTAMENTO DEI SUINI (ETOLOGIA)

Introduzione
L’etologia è una moderna scienza che studia il comportamento animale nel suo ambiente naturale. Ha origini antichissime, ma il fondatore è riconosciuto essere Konrad Lorenz .
Conoscere il comportamento naturale degli animali, ci aiuta:
1. a uscire dall’empirismo, cioè la pratica senza una conoscenza scientifica, che porta al verificarsi di problemi sia tra uomo-animale sia nella gestione dell’ allevamento
2. a mettere in atto tutte le strategie possibili per creare agli animali situazioni di benessere, rispettando i bisogni di specie.
3. a riconoscere gli stati patologici sia fisici che mentali

Tutti noi siamo abituati a vedere i maiali o chiusi in stallette buie col cemento per terra o nei grandi allevamenti, dove le scrofe stanno in gabbia e i suinetti nei box.
Gli svezzamenti sono precoci, le scrofe vengono inseminate artificialmente, gli spazi sono ristretti e le mutilazioni dunque necessarie.

Il gruppo dei suini viene chiamato ORDA
.
Si usa dire .”sporco come un maiale, sudi come un maiale,mangi come un maiale, ti comporti come un maiale”. Per non parlare di altri epiteti al femminile riferiti al sesso.
Al maiale si addebita tutto ciò che è negativo dal punto di vista comportamentale e sociale. Niente di più sbagliato. Sono luoghi comuni venuti da una tradizione popolare che a volte emette giudizi deresponsabilizzando l’Uomo dall’aver creato malessere .
Foto presa da http://www.marinacepedafuentes.com
Dunque se si abbandonano i luoghi comuni e si guarda l’animale maiale oggi nel XXI secolo in un’ottica più allargata e naturale anche alla luce delle conoscenze che la scienza dell’etologia ci propone, possiamo scoprire che le condizioni in cui è stato allevato intensivamente fino ad ora, sono lontane anni luce dalla sua natura.
Vivere in modo innaturale e brutalizzante, pensiamo a chi lavora ancora in miniera o a certe condizioni di lavoro nero extracomunitario, sviluppa malessere e malattie.
I costi che gli animali in termini di sofferenza e dolore e la società in termini ambientali ,di farmacoresistenza, di inquinamento pagano per tenere in piedi allevamenti intensivi sono talmente alti che le produzioni biologiche diventano una vera alternativa di tipo sostenibile.
E’ dunque essenziale conoscere chi è e che esigenze ha questo essere che pare avere un Q.I. Quoziente intellettivo. secondo solo all’Uomo. Infatti Gorge Orwell, nel suo famoso libro “la fattoria degli animali” li fa diventare, per la loro intelligenza, leader della fattoria.

CHI E’
Animale socievole, intelligente,curioso e con forte personalità. Ha un apprendimento molto veloce e si adatta facilmente alle situazioni. E’ molto sensibile alle maniere rudi, alle violenze gratuite delle quali, se può si vendica, riconoscendo con precisione l’autore.
Se l’uomo è tranquillo, l’orda è tranquilla anche con gli sconosciuti.
Il maiale ha un grande nemico: lo stress. Questo può influire sulla qualità delle carni e dei prodotti di trasformazione.
COSA MANGIA
Il suino è un animale onnivoro ,si ciba infatti di una gran varietà di alimenti sia di origine
animale che vegetale, ama cacciare e grufolare, estirpando erbe e radici, ma si ciba anche di piccoli mammiferi.

SOCIALITA’
E’ un animale gregario che vive in piccoli gruppi familiari matriarcali ,da 2 a 6 scrofe + relaziomolto stabili
I verri invece, ad esclusione del periodo dell’accoppiamento, tendono a vivere in modo solitario o in gruppetti di “scapoli”.
TERRITORIO
Non sono animali territoriali e vivono in “home-range”, cioè territori di gruppo, di grandezza variabile (fino a molti ettari) a seconda della disponibilità di cibo: gli “home-range” comprendono aree di riposo, di pascolo, di defecazione, pozze di fango e sentieri che collegano le diverse zone.
DIURNI O NOTTURNI?
I suini sono animali sostanzialmente a vita diurna, perciò consumano i loro pasti soprattutto di giorno e dedicano all’attività della ricerca del cibo circa 7 ore al giorno: durante questi periodi di attività possono percorrere tragitti molto lunghi, anche 50 Km. Bevono molto spesso, sia durante il giorno che la notte. Per il resto del tempo amano rimanere coricati e sonnecchiare, attività a cui dedicano anche 19 ore al giorno; per riposare scelgono posti asciutti e riparati, soprattutto alle spalle, con una buona possibilità di visione e controllo di ciò che c’è intorno.
MA SONO VERAMENTE ANIMALI SPORCHI?
I suini evitano di sporcare, in genere, con urina e feci, l’area di riposo del gruppo: durante
la notte si alzano infatti una o due volte e si allontanano per urinare o bere, poi ritornano nel gruppo.
Per questo motivo l’area di riposo, in un box di gruppo, dovrebbe permettere ai suini di sdraiarsi allineati in fila, così che gli animali, durante la notte, possano alzarsi, allontanarsi e ritornare nel gruppo senza dover scavalcare e calpestare gli altri suini.
Solitamente, inoltre, i suini scelgono un’area per defecare ad una certa distanza dall’area di riposo, dai 5 ai 15 metri, e defecano anche sui sentieri che collegano le varie zone delle aree in cui vivono; le scrofe in genere evitano di sporcare il nido in cui partoriscono e se non possono allontanarsi, come nel caso delle gabbie parto, alcuni soggetti potrebbero smettere di defecare per più giorni.
TERRITORIO PIU’ ADATTO PER VIVERE
I suini possono vivere tranquillamente in zone paludose (sono eccellenti nuotatori) o adattarsi altrettanto bene a cacciare e procurarsi cibo nella boscaglia più fitta: proprio per questo, cioè per potersi mantenere in contatto con il resto del gruppo, nel corso dell’evoluzione hanno sviluppato un sistema di richiami vocali molto complesso.

E’ IMPORTANTE LA PRESENZA DI VEGETAZIONE?
I suini usano gli alberi per grattarsi, poiché non possono raggiungere gran parte della
superficie del loro corpo: questa attività può avere anche una funzione di marcatura con l’odore. I suini subordinati toelettano i dominanti che giacciono sdraiati su un fianco, mentre i primi li mordicchiano sul ventre. Dunque è importante che i paddock o i pascoli abbiano vegetazione a sufficienza anche per il controllo dei parassiti .

CALORI ACCOPPIAMENTI
Quando le femmine entrano in calore cercano attivamente i verri; il verro produce un odore e un suono che serve come stimolo per la femmina. La gravidanza dura circa 115 giorni e
uno o due giorni prima del parto le scrofe lasciano il gruppo e si allontanano per costruire un nido che di solito viene terminato 2-4 ore prima dell’inizio del parto.
GRAVIDANZA
Le scrofe domestiche danno alla luce grandi nidiate, spesso fino a 10 suinetti e più. La madre annusa il piccolo ma non lo lecca e comunque non lo aiuta a liberarsi dagli invogli fetali. Appena nati i suinetti cercano immediatamente il contatto con la madre sia per assumere il colostro che per scaldarsi: il grande rapporto superficie/volume infatti rende difficile nel suinetto la possibilità di termoregolazione.
PERCHE’ IL SUINETTO HA FREDDO?
La capacità di termoregolazione fisiologica rimane comunque difficile, anche se per motivi diversi, nel suino adulto: i suini hanno infatti una scarsa copertura di pelo, una possibilità di sudorazione limitata e quindi scarse capacità di dispersione del calore.
Per questo nei climi più caldi si rotolano in pozze di fango, mentre nei climi freddi si coricano in luoghi riparati uno a ridosso dell’altro.
ALLATTAMENTO
Circa 10 ore dopo la nascita del primo suinetto, l’allattamento assume un andamento
ciclico e viene effettuato circa ogni 40 minuti; normalmente la scrofa chiama i suinetti alla
poppata con un grugnito profondo e ritmato. I suinetti della stessa nidiata assumono il latte
materno contemporaneamente e subito dopo la nascita viene stabilita una gerarchia.
SI STABILISCE LA GERARCHIA
Questa è una fase importantissima che l’allevatore deve conoscere bene. Il suinetto stabilisce subito una gerarchia sociale chiamata in inglese Teat Order , in italiano ordine di poppata e questa non viene stabilita attraverso azioni scoordinate di spinta per raggiungere il capezzolo, come nel cane, ma tramite accesi combattimenti con l’uso dei denti appropriatamente chiamati “a spillo”. I suinetti lottano per appropriarsi delle mammelle poste più anteriormente. L’ordine gerarchico si forma entro i primi due giorni dalla nascita e i suinetti nati prima sono solitamente quelli dominanti; la gerarchia, una volta formata, rimane stabile, soprattutto nelle posizioni al vertice ed in quelle più basse.
Le mammelle anteriori sono quelle che producono più latte e quasi mai interessate da mastiti.
DOPO QUANTO LA SCROFA PUO’ TORNARE NEL GRUPPO?
In natura la scrofa ritorna nel gruppo con la nidiata 10-14 giorni dopo il parto: le aggressioni che si verificano in questa occasione di solito sono limitate, anche se le scrofe, protettive nei confronti della nidiata, potrebbero dimostrarsi abbastanza aggressive.
Se l’alimento solido è disponibile, di solito i suinetti iniziano a consumarne una quantità
significativa dalle 4-5 settimane in avanti. Lo svezzamento naturale avviene tra le 13 e le 19 settimane. Nell’allevamento biologico intorno alle 8-9 settimane. Nell’allevamento tradizionale intorno ai 14-18 giorni.

VANTAGGI DELL’USO DELL’OMEOPATIA IN ZOOTECNIA

VANTAGGI DELL’USO DELL’OMEOPATIA IN ZOOTECNIA

bovini paganico (27)
1. la facilità di somministrazione dell’omeopatia unicista, permette di curare un grande numero di animali utilizzando l’acqua da bere
2. Gli animali trattati omeopaticamente non subiscono terapie individuali ripetute ed oltremodo stressanti (cattura, iniezioni, reazioni nel punto di inoculo, effetti secondari)
3. l’uso dell’omeopatia limita l’inquinamento ambientale diminuendo il tasso di antibiotico residuo nelle deiezioni. Questo porta alla sopravvivenza dei fanghi attivi nei depuratori e dunque una qualità delle acque di scarico che risultano meno inquinanti.
4. In base alle normative CEE sono sono controlli a campione per evidenziare la persistenza di residui di molecole di antibiotici ed antiparassitari nelle carni. Con l’uso dell’omeopatia si riduce il rischio alimentare, ricordandoci il motto from stable to table, “dal forcone alla forchetta”.
5. Il costo ridotto dei rimedi omeopatici
6. risparmio economico sui farmaci: è un vantaggio per l’allevatore e consente al Veterinario di gestire in prima persona le terapie.
7. riduzione di lavoro per il personale che effettua le terapie quotidiane con grande spreco di energia e di tempo sottratto alla manutenzione dell’azienda
8. salubrità e integrità delle carni
9. stato di salute alla macellazione superiore alla media.