L’OMEOPATIA NELLE VACCHE E NEI BOVINI DA CARNE

L’OMEOPATIA NELLE VACCHE E NEI BOVINI DA CARNE

Curare le vacche e i bovini da carne con l’Omeopatia, vuol dire avere a cuore il benessere di questi animali. I regolamenti della zootecnia biologica raccomandano, ma non impongono, l’uso di omeopatia e fitoterapia nella gestione delle patologie bovine.
I bovini possono essere trattati individualmente, se presentano malattie acute come ad es. la mastite, o in gruppo, come già detto a proposito delle pecore.
I trattamenti omeopatici di gruppo tendono a tenere sotto controllo le parassitosi e a rafforzare il sistema immunitario alle patologie.

bovini paganico (33)
Il “benessere” degli animali è uno dei principi fondamentali da osservare negli allevamenti zootecnici biologici. Tuttavia, per quanto venga assicurata un’attenzione particolare alla loro salute, vietando ad esempio l’uso preventivo e sistematico di antibiotici e altri farmaci veterinari sugli animali allevati secondo il metodo biologico, questi non sono immuni dalle comuni patologie come le parassitosi e le mastiti, che colpiscono soprattutto i bovini da latte. Il risultati a cui gli studiosi sono giunti è che un approccio omeopatico al trattamento di fondo degli allevamenti bovini riduce dell’80% le patologie.
Dall’indagine parassitologica, svolta su 14 allevamenti biologici distribuiti in diverse Province (7 in provincia di Belluno, 3 in provincia di Vicenza, 2 in provincia di Verona, 1 in provincia di Padova, 1 in provincia di Treviso), i primi dati rilevano che la maggior parte degli animali ha evidenziato la presenza di infestazioni multiple e che, in generale, la positività per parassiti è risultata piuttosto elevata anche se si sono evidenziate cariche parassitarie piuttosto basse.
bovini paganico (29)