PROBLEMI COMPORTAMENTALI DEL CAVALLO E OMEOPATIA

sI ILLUSTRA IL LAVORO CONGRESSUALE IN PPT DELLA DOTT.SSA CARLA DE BENEDICTIS SU PROBLEMI COMPORTAMENTALI DEL CAVALLO E METODOLOGIA OMEOPATICA CONGRESSO FIAMO ROMA 2006
LA BROCHURE DEL CONVEGNO
brochure 7°Congresso FIAMO

IL POWER POINT DEL CONVEGNO

 

European Traditional Medicine -International Congress- Vinci 2007 HOMEOPATHY IN PIGS

European Traditional Medicine -International Congress- Vinci 2007 HOMEOPATHY IN PIGS

THIS IS A POWER POINT
ETM De Benedictis
carla suinetto
THIS IS THE POSTER
C2007 ETM POSTER

Dott.ssa Carla De Benedictis
Medico Veterinario LFHom
Via Rioli n 64
00049 Velletri Roma
Tel 069625910
Cell 340 8527786
e-mail carladebene@gmail.com
www.lospiritodeglianimali.com

TITOLO L’Omeopatia quale contributo ad un sviluppo ecosostenibile della medicina veterinaria. Esperienze in suinicoltura.

TITLE : Homeopathy as a contribution for an eco-sustainable development in veterinary medicine.
Some experiences in pig breeding farm are discussed.

ABSTRACT Si condivide l’esperienza dell’applicazione clinica dell’omeopatia negli allevamenti tradizionali di suini. Vengono analizzati i vari aspetti per l’allevatore , per il consumatore e l’ambiente.
Ulteriori considerazioni vengono estrapolate per quanto riguarda il Benessere Animale con particolare riferimento ad aspetti etologici e comportamentali della specie suina . Si prendono in considerazione le possibili ricadute di ordine etico e sanitario rispetto alla qualità dell’addomesticamento e delle loro produzioni.

ABSTRACT An outline of the experience about the application of homeopathy in traditional pig breeding farm. the advantages for farmers, consumers and environment are considered.
Animal welfare, with particular attention to ethological and behavioural aspects of pigs, is taken under consideration. Ethical and sanitarian effects of intensive pig breeding farm in relationship with domestication and production are discussed.

ABSTRACT
The application of homeopathic method in 3136 pigs

Dr Carla De Benedictis
Veterinary surgeon
Licenced Associate of the Faculty of Homeopathy LFHom

Via Rioli n 64
00049
Velletri (Rome) Italy
Tel 06 9625910
Cell 3408527786
E mail carladebenedictis@interfree.it

ABSTRACT An outline of the experience about the application of homeopathy in traditional pig breeding farm. the advantages for farmers, consumers and environment are considered.
Animal welfare, with particular attention to ethological and behavioural aspects of pigs, is taken under consideration. Ethical and sanitarian effects of intensive pig breeding farm in relationship with domestication and production are discussed.

INTRODUCTION
One of the most serious problems in modern pig farming are diseases affecting the respiratory system. The fattening and finishing stages, in mild climates such as ours, reach their peak in winter time.
Prenatal and Neonatal losses are one of the most serious problems in pig reproduction. The ethiology of reproductive disorders in sows are viral and bacterial infections of reproductive tract which take place during mating and pregnancy. Mummified fetus, stillbirth, neonatal mortality is the cause of great economic loss and animal discomfort.
Different situation is found in the domestic breeding, very common in rural area of Italy, in which pathologies affecting pigs are due to a mismanagement or lack of vaccinating program.
In all situations I can demonstrate that the application of Homeopathic method is possible with an enormous benefit for the consumer and for animal welfare. A very good knowledge of pig behaviour allows a correct use of classical homeopathic method.

MATERIALS AND METHODS
It has been carried out a survey of 3136 pigs of traditional and domestic breeding farm.
3000 pigs,of an intensive pig meat breeding farm located in the Lazio region have been treated for respiratory disorders with classic homeopathy integrated with conventional therapies in half dosage.
100 sows with reproductive pathologies have been treated with homeopathy and nosodes corresponding to the bacterial findings in the enviroment, but also homotoxicolgy and traditional therapies have been used.
36 cases of domestic pigs, breed for family use, and for this reason, treated only with classic homeopathy.

RESULTS

In the barns treated also homeopathically the consumption of powdered antibiotic in the feed, after the administration of homeopathics decrease dramatically.
For the treatment of sows affected of reproduction pathologies the consumption of antibiotics decreased as the neonatal mortalilty and infertility.
In the single cases of domestic pigs, all pathologies have been resolved with homeopathic treatments.

CONCLUSION
Homeopathy can be used successfully also in traditional intensive farming, in these circumstances we cannot dismiss the use of feeds which include drugs during the critical stages but homeopathy is a valid support because it synergizes and limits the use of antibiotics.
The use of homeopathy limits environmental pollution, decreasing the residual antibiotic in the excretion. According to new directives from the EU samples testing the permanence of residual antibiotic molecules and parasiticidal agents in the meat have begun. The health risk to humans due to contaminated food must be checked in the stable from the animal’s birth in according with H.A.C.C.P. Moreover saving on drugs is an advantage to the breeder. Animal welfare, ethological , behavioural aspects and ethical reflections must be considered.

REFERENCES
Kent J.T. – Repertory of Homeopathic materia medica – Jain Publishers PVT. LTD, New Dheli, 1996 Voll 1e 2
Mac Leod G. PIGS- The Homoeopathic approach to the treatment and prevention of diseases – C.W. Daniel Company LTD, London, 1994
Nigrelli, Gatti, Guizzardi – Le malattie del suino – Ed. Informatore Agrario, Bologna, 1989
Syllabus :10Th International Symposium on Pig Reproduction and Artificial Insemination Rome 5-7 May 2003
Proceedings :4th International Symposium on Emerging and Re-emerging Pig Diseases – Roma Palazzo dei Congressi 29 Giugno / 2 Luglio 2003- P. Martelli ,S. Cavirani, A. Lavazza EDITORS

Dolly

Dolly

Gentilissima Dottoressa De Benedictis,
Dolly ora è serena e senza più male.
Ci ha lasciati ieri pomeriggio e l’unica cosa che mi consola è che non ha sofferto.
E’ spirata con noi accanto, in un tempo brevissimo, con un solo, lieve, flebile lamento.
Desidero ringraziarLa per tutto: per avermi indirizzata al Dottor D.per avermi rincuorato ogni volta che Le ho scritto, per essersi presa cura di Dolly e di me.
Le sensazioni sono strane, ieri sera mi sentivo quasi sollevata perché le sofferenze della piccolina erano finite, mi si era disteso anche il viso, oggi ho in me un enorme, incolmabile vuoto.
In questi mesi di malattia di Dolly, malattia che ad un certo punto ha iniziato a galoppare, ho anch’io pensato all’eutanasia, chiedendomi nel contempo “ma chi sono io per decidere quando una creatura non deve più vivere?”.
Eppure ci ho pensato, come unico modo per evitarle sofferenze che aumentavano di giorno in giorno, specialmente da Natale in poi.
Belliximi!!! 002
Se il male fosse stato da un’altra parte forse non ci avrei mai pensato, ma in bocca…. povera creatura, una duplice atrocità: il dolore e la crescente difficoltà nel nutrirsi, proprio a lei che è sempre stata una gran mangiona, che amava la pappa più di ogni altra cosa al mondo, dopo noi.
Ma non potevo decidere.
La cagnolina era dei miei genitori e mio papà non ne voleva sentire parlare, nemmeno potendo contare sulla condivisione con me del dolore/responsabilità di una eventuale simile decisione.
E’ vissuto nella speranza, o nell’illusione, che guarisse, e questo sino poco prima che ci lasciasse, nonostante fosse immobile da giorni, nonostante non toccasse cibo da più di una settimana, nonostante vomitasse e avesse diarrea pur non mangiando, e molte altre cose che non elenco perché le conosce fin troppo bene, purtroppo.
Quel che ho potuto fare, è stato cercare di alleviarle il dolore, amarla, accudirla, coccolarla, pulirla, darle i rimedi, essere sfinita ma essere lì, con lei.

Questo in parte mi consola, in parte mi sconforta perché penso “se fossi stata più tempestiva…” Ma devo accettare il peso del mio rimorso e dei miei 1000 dubbi: cerco sempre di non lasciare niente al caso ma ogni situazione ha molteplici risvolti e ……la storia è infinita.
I nostri amici animali non si pongono tanti quesiti, ci amano e basta, e ci accorgiamo di quanto nel momento in cui non sono più con noi (ho avuto l’impressione che Dolly non volesse lasciarci, forse per questo, nonostante la situazione, ha resistito tanto).
Davanti agli occhi, nel cuore e nella mente c’è la sua immagina. Per i primi tempi sarà quella degli ultimi giorni, quelli della sofferenza, poi gradatamente ritornerà l’immagine serena dei tanti anni trascorsi insieme, del musetto gioioso, degli occhi “parlanti”, delle orecchie diritte e attente, della codina che andava ad elica appena mi vedeva, e di tutte le meravigliose e impagabili emozioni, gioie e risate che ci ha regalato.
C’è una ragazza, Testimone di Geova, che mi citofona spesso per lasciarmi le loro riviste, solo che da qualche mese mi pone insistentemente un quesito (ironia della sorte): “perché esiste la sofferenza?”, lei sostiene che è un disegno di Dio ben motivato.

Comunque stiano le cose sono del parere che far soffrire creature innocenti e indifese, a qualunque specie appartengano, è crudele e l’unico essere crudele è l’uomo, verso la sua e tutte le altre specie viventi.
Lei è una persona speciale Dottoressa, ha il dono di aprire il suo cuore all’ascolto. E per questo le sono infinitamente grata, così come le sono grati i Suoi piccoli pazienti che sono i nostri migliori amici. Un bacio al cavallo adottato e a tutti i suoi amici a 2 e 4 zampe, alati e non.
La invidio, in senso buono, per l’ambito in cui vive. Le dona serenità, la stessa che Lei riesce a trasmettere e infondere in chi, come me, ha avuto la fortuna di conoscerLa in un momento delicato e difficile.
Un saluto e un abbraccio, con sincera stima e affetto!
Valeria
fritz 001

Gattuzzo

Gattuzzo

Buongiorno Dottoressa,

Le scrivo per ringraziarla. Ha avuto con me molta pazienza, mi ha capita e guidata in un momento a me sconosciuto e molto doloroso. La perdita di Gattuzzo ci fa molto soffrire era per noi un caro amico, un componente della famiglia. Una presenza discreta, che ci faceva compagnia e dava affetto. Siamo tutti lacrime e addolorati, C’è di conforto la consapevolezza di non aver lasciato nulla di intentato per quelle che sono le nostre possibilità e conoscenze.
La ringrazio veramente tanto anche per avermi indirizzata dal Dott. Vertucci che finalmente ci ha aperto gli occhi sullo stato di salute di Gattuzzo e ha dato una spiegazione plausibile alle nostre domande.

Ho iniziato domenica a scrivere questa mail, l’ho portata avanti in più riprese nell’indecisione di inviarla, questa mattina ho ricevuto la sua graditissima mail e sono a dirle che a mio parere lei ha fatto tutto ciò che era in suo potere visto come si presentava il caso in quel momento. Purtroppo Gattuzzo era già molto debilitato; se proprio c’è qualcuno che dovrebbe fare un serio esame di coscienza non è lei, ma tutti gli altri medici veterinari che prima di lei lo hanno visitato e lo hanno sottoposto ad accertamenti veramente inutili, visto che poi non li sanno “leggere”.
La ringrazio ancora per il suo interessamento, ritengo che non sia facile, di questi tempi, trovare bravi medici io sono stata fortunata a trovarne due veramente in gamba, ahimè troppo tardi. Ringrazi da parte mia il Dott. Vertucci e se lo ritiene opportuno gli porti copia di questa mail.

Chissà se mai riprenderò un altro micio … ma se così fosse certamente avrò delle persone competenti su cui fare affidamento.

Grazie ancora di tutto Ivana Lombi

P.S. mi spiace come al solito sono stata lunghissima

My beautiful picture

Quella cagnetta è cieca e sorda come mia madre nei miei confronti

Quella cagnetta è cieca e sorda come mia madre nei miei confronti

RUBRICA
VETERINARIA

AUTORE
Carla De Benedictis
Medico Veterinario – Omeopata Velletri (Roma).
carladebenedictis@interfree.it

TITOLO
OCCHIELLO
Sempre più frequentemente quando un animale è portato ad una visita clinica, emerge una forte emozionalità ed eccessiva preoccupazione da parte dei proprietari, che a causa dell’incapacità nel sostenere emotivamente il disagio della propria bestia, esigono una guarigione rapida, rassicurazioni e certezze sulla prognosi.

RIASSUNTO
Troppa preoccupazione da parte dei proprietari sulla salute dei propri animali nasconde un disagio relazionale proprio della nostra epoca e una proiezione di figure umane che creano la base di problemi comportamentali di cani, gatti e cavalli. Riconoscere questi meccanismi e cercare di ristabilire i ruoli passando attraverso la visita omeopatica e qualche consiglio sul comportamento toglie la pressione emotiva che spesso per un animale è causa di malattia. Un caso clinico e una cliente consapevole, l’esperienza maturata da un mio percorso personale e l’applicazione dell’omeopatia unicista hanno come risultato il vero benessere dell’animale.

PAROLE CHIAVE
Benessere animale, comportamento animale e omeopatia, visita omeopatica, omeopatia, problemi relazionali, crescita personale

SUMMARY
Nowadays too much worry about the health of our pets, hide an emotional discomfort in the human relationships with the consequence of a projection of human figures on animals with the result of pathologic behaviour of our pets.
Often pets suffer of an emotional pressure by the owners: release this emotion passing through re- establishment of roles using homeopathic method and behavioural advices is the better way to obtain a quick recovery of the animal.
A clinical case is presented as the result of a holistic approach, an aware owner, and my personal experience in relationships developed in several years of personal growth.

KEY WORDS
Animal welfare, animal behaviour and homeopathy, homeopathic visit, homeopathy, relationship problems, personal growth

TESTO
Introduzione

Quando affiorano problemi comportamentali dovuti spesso a un’umanizzazione dell’animale, antropomorfismo, e a una mancanza di informazione di tipo etologico, trasmettere ai proprietari l’importanza di modificare il proprio atteggiamento è difficile proprio perché spesso ci si trova di fronte a meccanismi di proiezione di qualche figura della propria vita. In questi casi la relazione proprietario-animale-veterinario e l’approccio che ne consegue, possono frapporsi al buon esito di una cura omeopatica e condurre, in alcuni casi, alla perdita del cliente, alla frustrazione di non essere stati compresi o alla mancanza di coraggio nel prendere una posizione.

MATERIALI E METODI

La presentazione di questo caso clinico vuole essere il primo di una serie di approcci alla omeopatia veterinaria che esce dalle righe della classica visita finalizzata a guarire il paziente animale, dove la malattia dell’animale stesso e dunque la richiesta del proprietario di guarirlo, mette in evidenza una serie di problematiche “umane” di cui gli animali sono solo un riflesso. Ho la fortuna di avere alle spalle dieci anni di formazione in un percorso di consapevolezza e coscienza che mi ha fornito delle chiavi di lettura sui meccanismi inconsci che guidano gli essere umani nelle loro relazioni e che mi permettono di dialogare con l’altro per comprendere profondamente l’approccio che si crea tra loro e di conseguenza con l’animale che andrò a curare. Vedo sempre di più e in modo preoccupante una partecipazione emotiva esagerata da parte di alcuni proprietari che non sanno affrontare la malattia di un animale in nessun altro modo se non manifestando un eccessivo stato ansioso, che priva della serenità necessaria alla presa del caso. Ciò che osservo nella realtà è che molte donne e uomini vivono l’approccio con l’altro essere umano in modo problematico e conflittuale. La compagnia di un animale che accoglie l’amore del padrone senza reazioni e incondizionatamente, crea una situazione affettiva più facile per l’umano, ma che può produrre stati di incontenibile emozionalità e conflittualità col veterinario nel momento in cui l’animale si ammala.
Il percorso che sto seguendo mi sta insegnando a entrare nella difficoltà relazionale con le persone per risolverla e non a fuggire dalla stessa, cercando alternative più semplici come l’adozione di un animale e ciò mi permette di vivere accanto a cani, gatti e ad una cavalla in una dimensione serena in cui ognuno vive lo spazio che gli è proprio.
I bisogni degli esseri umani, trasferiti automaticamente su un paziente animale, sono non solo responsabili di comportamenti patologici di vario grado ed entità, ma anche ostacoli invisibili che impediscono la cura. La maggior parte delle persone non pensa di essere responsabile di atteggiamenti anomali o di malattie dei loro animali e delega il problema da risolvere al veterinario.
E’ possibile che una persona con un alto grado di coscienza di sé possa andare oltre i suoi comportamenti automatici dopo averli visti e compresi e ristabilire un sano approccio uomo-animale. Nella mia esperienza di medico veterinario ho constatato che più le persone, proprietarie di animali, sono acculturate, più hanno difficoltà a smantellare le certezze o i confini del sapere su cui hanno costruito il proprio vivere: ciò che conosco mi dà sicurezza perché lo controllo, ciò che non so, lo rifiuto a priori perché mi destabilizza.
Lo scetticismo sia sul trattamento omeopatico che sulla visita comportamentale, da parte dei proprietari, riesco sempre più a superarlo attraverso l’ascolto dell’umano che ho di fronte, per accompagnarlo nel rispetto delle sue opinioni, in spazi di conoscenza nuovi.
La relazione di fiducia che il Veterinario riesce ad instaurare con il proprietario è legato a un sottile filo, per cui dobbiamo dirgli che stanno agendo in modo sbagliato, senza farli sentire sbagliati, oppure responsabilizzarli sulle loro scelte terapeutiche, in modo da avere una collaborazione attiva.
L’incoraggiamento ad affrontare situazioni serie e complicate passa naturalmente attraverso una diagnosi e una prognosi accurate, per non ingenerare false speranze con tutto ciò che ne consegue.

gio casa

IL CASO CLINICO
Questa è la storia di Patrizia e di Giovedì e del loro incontro un giorno di pioggia. La cagnetta era in fin di vita, per terra, è raccolta: è cieca e sorda.
Patrizia, si è subito chiesta il perché avesse incontrato questo cane, cosa rappresentava, che insegnamento ne doveva trarre. Gli eventi della vita se sappiamo osservarli e leggerli escono dalla casualità e ci servono come specchio del nostro vissuto. Questo modo di pensare analogico mette in relazione eventi che visti da un punto di vista casuale non hanno niente in comune tra loro.
Domanda “ A che conclusione sei arrivata, cosa c’era dietro?”
PATRIZIA: “Io considero mia madre una vecchia cieca e sorda nel senso che non mi vede e non mi ascolta e il nostro rapporto è conflittuale. Lei mi fa continue richieste ma ogni cosa che faccio non va bene, lei respinge il mio amore di figlia come se fossi incapace a darglielo, come se io dentro avessi solo cattiveria….. non so se ce la farò a prendermi cura di questo cane, non mi sento capace …”
Patrizia che si prodiga molto per la madre, riceve in cambio solo critiche che alimentano in lei il sentimento di essere sbagliata, attraverso la cagnetta può dimostrare a sé stessa che in lei ci sono sentimenti buoni. Il dubbio che un cane in quelle condizioni possa accogliere le sue cure è grosso, teme di essere rifiutata anche da un….cane… per lei sarebbe troppo!
Però ci prova, ci va dentro e ne esce vincente.
Patrizia ha trasferito sul cane sia sua madre, che lei vede cieca e sorda, perché non si è mai sentita amata e ascoltata, sia una parte di sé stessa creatura abbandonata, bisognosa di affetto e di cure. Questo spiega il perché tra tante persone che passavano davanti alla cagnetta solo lei si è fermata a soccorrerla. Da dove nasce questo movimento interiore che ha spinto Patrizia a prendersi cura del cane? La spiegazione che lei stessa ha dato, vivendosi gli eventi, è che il cane le ha permesso di vedere i suoi bisogni: bisogno di amore, di salvare l’altro, di sentirsi utile, di essere riconosciuta, ma di vedere più chiaramente quali sono gli spazi della sua relazione con sua madre da guarire.

VISITA OMEOPATICA
Trovata giovedì 11 maggio abbandonata sul ciglio della strada, non vede, non sente, è in stato stuporoso e di denutrizione.
È molto vecchia,docilissima, fa i bisogni dentro la cuccia, le feci sono secche e dure.
Ogni piccolo stimolo la manda sotto stress e inizia a girare su se stessa, perde l’orientamento.
Cammina e sbatte.
Mangia poco, Patrizia le ha somministrato i fiori di Bach, il Rescue Remedy, le piace il latte.
Non fa le feste, non interagisce, non le interessa niente.
Non sente, non va verso il cibo, la deve guidare e porgerglielo con la mano.
Beve.
Io la vedo dopo 15 giorni dal ritrovamento. In studio da me è la prima volta che emette un suono dopo giorni di silenzio.
La mia impressione è che è completamente annichilita dal trauma dell’abbandono, in una condizione di estrema vulnerabilità data anche dalla vecchiaia, senza difese, come se aspettasse la morte da un momento all’altro, anestetizzata da un handicap fisico e sotto shock psichico. Provo una pena estrema, mi viene il magone.
Per la legge della risonanza, rivedo in quella cagnetta me stessa e una parte della mia storia, i momenti peggiori dell’abbandono, la solitudine.
Sono molto turbata, respiro profondamente e inizio a repertorizzare.

TABELLA N I
PRIMA REPERTORIZZAZIONE

giovedì prima rep
SCELTA DEL RIMEDIO Opium 30 CH 12 granuli sciolti in un bicchiere di acqua, 5 cc due volte al giorno per una settimana.
Opium mi sembra proprio indicato per questo senso di anestesia e mancanza di reazioni nei confronti dell’ambiente esterno, il trauma emotivo e lo shock di essere stata abbandonata e l’estrema confusione mentale, le feci dure e secche. Anche Pulsatilla ha il sentimento di essere abbandonato ma non contempla situazioni di shock mentale. Veratrum non è così inebetito e poi la sua caratteristica è la diarrea.

COLLOQUIO CON PATRIZIA le prescrivo il rimedio le spiego come darglielo. Le chiedo di notare se ci sono reazioni, se il suo stato mentale migliora. Lei è scoraggiata, le persone che ha intorno le dicono che non ce la farà, (come la madre che fin da piccola le ha distrutto la fiducia in sé stessa), che non è giusto tenere in vita un cane in quelle condizioni, rimuovendo attraverso l’uso dell’eutanasia il concetto di vecchiaia e di malattia.
La rassicuro e le chiedo di darsi del tempo e di rivalutare la situazione dopo la cura. Le dico che la cagna ha trovato una casa e una padrona amorevole, e che attraverso la somministrazione del rimedio omeopatico testeremo anche la sua capacità di reazione, poi si rivaluterà la situazione.

FOLLOW UP
È tornata sta meglio, è più reattiva ha preso a mangiare e a riconoscere il posto in cui sta.
Mi aspettavo un risultato migliore, penso che la 30 CH non ha avuto un totale successo.

NUOVA PRESCRIZIONE prescrivo Opium 200 K , un tappino sciolto in 20 cc di acqua , tre cc mattino e sera per 3 giorni. Penso che la 30 CH non abbia avuto energia sufficiente per dare uno scossone al trauma emotivo. Non sappiamo inoltre da quanto tempo la cagnetta sta in queste condizioni.
ATTEGGIAMENTO DI PATRIZIA comincia a intravedere una speranza di entrare in relazione con questo cane, ha più fiducia in ciò che le dico, anche se sente sempre il peso di questo saccottino cieco e sordo. Entra in ansia, pensa che il cane in compagnia stia meglio, ma lei non può tenere un altro cane, non può vederla lì da sola…. La rassicuro di nuovo , la cagnetta ha trovato una casa e l’affetto, al resto pensiamo dopo. E’ precisa nel fare le cure, ma non ha compreso l’importanza nel riferirmi periodicamente le condizioni del cane.

FOLLOW UP
Reagisce è più sveglia, mangia, si comincia a muovere dalla cuccia , ma non sbatte la coda, non la riconosce ancora.
Rivedo il caso, e prendo i sintomi relativi alla vecchiaia che alla prima visita avevo lasciato stare riproponendomi, nel caso migliorasse di prendere. La cagna è anziana, ora che ha superato lo shock da abbandono, posso cercare un rimedio che la aiuti a vivere meglio la sua condizione. Scelgo Baryta carbonica perché nella mia esperienza mi è stata preziosa nei disturbi dovuti all’invecchiamento e nella senilità precoce; l’ho trovata utile in tutti quei casi in cui vi è un rallentamento delle funzioni psichiche, fisiche e di reattività. Ho escluso Conium per mancanza di tremori.
La scelta della potenza alta, è che il suo stato energetico mi permette di intervenire in questo modo

TABELLA N 2
SECONDA REPERTORIZZAZIONE
giovedì seconda  rep

NUOVA PRESCRIZIONE Baryta carbonica 200 K un tappino sciolti in 20 cc di acqua 3 cc mattino e sera per 3 giorni

FOLLOW UP Mi chiama dopo un mese e mezzo per dirmi che va benissimo, la cagnetta riconosce ma non ancora sbatte la coda. E’ euforica, il marito che si era sempre disinteressato (apparentemente) di questa situazione, le procura una cuccia con veranda e rampa per salire, una vera reggia, in cui la cagna si sente bene, protetta e pur non vedendo fissa già i suoi punti di riferimento: ciotola acqua e cibo, uscita, luogo per bisogni.
Sono curiosa e mi reco a casa di Patrizia anche per vedere come si muove nel suo ambiente. La cagna è serena, cammina molto, a testa alta, mangia regolarmente.
Cammina però ancora sulle feci e sull’orina per cui penso che non ne senta l’odore, infatti Patrizia mi conferma che non sente molto l’odore del cibo nella ciotola, gliela deve ancora mettere sotto al naso.
Aspetto nel fare una nuova prescrizione, il risultato mi sembra già oltre le aspettative, e finalmente tiro un sospiro di sollievo.

CONCLUSIONI
Per me il vero nodo da affrontare non è tanto il caso clinico ma il rapporto con il proprietario.
Un atteggiamento di ascolto attivo, rassicurante senza creare aspettative, ma cercando di insegnare ad osservare i cambiamenti, apre la strada a un atteggiamento di fiducia nel terapeuta che può influenzare i risultati di una terapia.
La conoscenza di sé, della propria storia personale, la presa di coscienza dei meccanismi interiori e delle proiezioni sugli altri mi è di grande supporto nel lavoro quotidiano, dove mi misuro con la mia capacità di accogliere “il diverso da me” senza giudizio ed entrare in sintonia anche con il cliente più difficile.
Questo lavoro di anni non è stato indolore, dal punto di vista professionale il sentiero è pieno di “cadaveri” di clienti insoddisfatti, arrabbiati, ai quali ho proiettato parti di me, ai quali ho acceso aspettative e false speranze, dai quali mi sono fatta nutrire per un mio bisogno di riconoscimento e approvazione.
La pulizia di tutti questi spazi mi permette di relazionarmi senza giudizio, di ammorbidire il mio approccio, considerando che gli adulti che ho di fronte sono spesso ex-bambini abbandonati, soli, con genitori ciechi e sordi.
La presa di coscienza del proprietario e la giusta distanza che Patrizia ha preso successivamente nei confronti di Giovedì, intuendo in cure eccessive un suo bisogno l’ha portata a dire “ alla fine questa storia è servita più a me che al cane!”
Non solo , ha permesso anche al marito di prendersi cura del cane, che non diventa un oggetto di competizione e di rivalsa sull’affetto e sui bisogni inespressi, ma un essere indifeso che può essere curato e amato mantenendo la sua posizione di animale.
L’omeopatia ha sbloccato lo stato stuporoso e ha permesso a Giovedì di trovare una luce nel buio dei suoi occhi e un suono d’amore che ha attraversato il muro di sordità.

n 1 gio

Bibliografia

1. Dahlke R. – Malattia e linguaggio dell’anima – Edizioni Mediterranee1996 – Roma
2. Dahlke R. – Crisi personale e crescita interiore – Edizioni Mediterranee1997 – Roma
3. Dethlefsen T. –Dahlke R. – Malattia e destino- Edizioni Mediterranee1995 – Roma
4. Hanneman S.F.C. OMOEPATIA VI Edizione – Ed Dimensione umana Srl Milano 1975
5. Kent J.T. – Repertory of Homeopathic materia medica – Jain Publishers PVT. LTD, New Dheli, 1996 Voll 1e 2
6. Moccia V.C – Pubblicazione multimediale su internet – www.Arkeon.org
7. Murphy R.- Homeopathic Medical Repertory -2nd Revised Edition – B. Jain Publisher ltd New Delhi – 2004
8. Ortega P.S – Introduzione alla Medicina Omeopatica – Ipsa Editore, Palermo – 2001
9. Ortega P.S., Galassi R. – I sintomi mentali del repertorio omeopatico – Salus Infirmorum Padova , 2005
10. Radar 8.1.40 per Windows – Archibel S.A. Belgium
11. Vijnovsky B. – Tratado de materia medica homeopatica – Buenos Aires 1980 – Argentina
12. Vithoulkas G. – Essenze psicopatologiche del rimedio omeopatico – Ed Proposte Nuove –Mirdad – Torino, 1997